Cinema in soggiorno, come realizzarlo.

Cinema in soggiorno, come realizzarlo.
5 (100%) 1 vote
cinema-in-soggiorno
annca / Pixabay

Una sala cinema in soggiorno tutta per voi è il vostro sogno? Per realizzarla non è necessario che possediate una stanza da impiegare esclusivamente al vostro cinema casalingo. In questo articolo vi spiego come realizzare un vero e proprio cinema in soggiorno. Pochi accorgimenti, la conoscenza di alcuni aspetti tecnici, un minimo di disponibilità economica e la magia è compiuta.

Il cinema in soggiorno, requisiti ambientali.

cinema-in-soggiorno

Utilizzare il soggiorno come sala cinematografica non è un idea sbagliata. Una stanza arredata con mobili, tende, quadri, tappeti è perfetta per una buona resa acustica, perché questi elementi assorbono le onde acustiche evitando fastidiosi riverberi. Certo occorrono anche altri accorgimenti per adattare il soggiorno alla visione cinematografica. Lo schermo e gli apparecchi necessari per l’audio, andranno posizionati all’interno del salotto e questo talvolta comporta qualche compromesso, tuttavia è bene conoscere le condizioni ideali da cui partire.

cinema-in-soggiorno

Arredamento.

L’utilizzo dei divani, come elementi di seduta per assistere al film, è la scelta più naturale. Se c’è spazio abbastanza i divani possono essere più di uno, ma la condizione migliore è quella di un divano, possibilmente grande, con un paio di poltrone ai lati. Questi vanno posizionati frontalmente allo schermo, prestando attenzione alla distanza da esso, poiché questa determina la dimensione ottimale dello schermo.

La parete attrezzata è il mobile ideale per accogliere un televisore, ma è bene accettarsi che questa possa accogliere la TV dalla dimensione desiderata. Invece, una libreria che integra uno schermo per la proiezione a scomparsa è una buona idea per arredare il soggiorno in modo funzionale.

La luce ideale.

Per ottenere un effetto immersivo è necessario ridurre gli eventuali disturbi provocati da luce indesiderata durante la visione del film. Oscurare le finestre è cosa necessaria, sopratutto se ci si orienta verso un sistema con proiettore. Chiudere le imposte non sempre è risolutivo, quindi la cosa migliore è dotare gli infissi di doppie tende. Cioè predisposte con dei teli oscuranti da poter usare al momento opportuno. Queste hanno anche il vantaggio di migliorare l’acustica della stanza, visto che generalmente sono in pesante tessuto fono-assorbente.

cinema-in-soggiorno

I tendaggi non sono l’unico accorgimento che dovrete adottare, occorrerà disporre anche qualche luce tenue da accendere, ad esempio, quando ci si deve alzare dal divano. Possono essere delle luci led opportunamente disposte sul mobile che accoglie la dotazione audio video.

Ottimizzazione del suono.

Come già detto, un ambiente dove sono presenti tendaggi e tappeti è già un buon punto di partenza per un acustica ottimale, ma se volete essere perfezionisti, sappiate che l’utilizzo di pannelli fonoassorbenti è utile per migliorare nettamente la resa del sonoro.

Cinema in soggiorno, gli apparecchi necessari.

L’ampiezza del grande schermo, che cattura l’attenzione dello spettatore ed un sonoro spettacolare per coinvolgerlo emotivamente, sono i due ingredienti principali della magia del cinema. Per portare tale magia nel soggiorno di casa questi due elementi fondamentali vanno replicati al meglio nel’ambiente domestico.

Televisore o proiettore?

cinema-in-soggiorno

Riguardo allo schermo esistono due possibilità: un pratico televisore di grande dimensione o un proiettore, corredato di schermo per una visione veramente cinematografica.

La prima scelta è quella più immediata, ma il costo da sostenere per uno schermo che ci faccia sentire come al cinema, può essere molto elevato. I televisori in commercio sono tantissimi, sempre più tecnologicamente evoluti. In genere quelli con lo schermo più grande sono i più costosi.

Quale televisore scegliere?

Per l’Home Cinema escluderei i più diffusi ed economici televisori Full HD, la cui risoluzione di 1920 x 1080 pixel, è adatta a televisori non più grandi di 42”. A meno che non si desidera un sistema davvero semplice e di basso costo, ma tenete conto che un televisore Full HD di 42″ andrebbe posto 3 metri di distanza dallo spettatore, condizione questa lontana da un effetto cinema davvero coinvolgente.

cinema-in-soggiorno

Meglio puntare su televisori Ultra HD, detti anche 4K , la cui risoluzione di 3840×2160 pixel permette diagonali dello schermo maggiori a parità di distanza di visione. Ad esempio, già a 150 cm possiamo usare un televisore da 46″. Perfetto direi!

Per quanto concerne la tecnologia del televisore, tenete conto che i televisori OLED hanno una resa colore e profondità superiore ai televisori LED , rispetto ai quali hanno anche una resa del nero perfetta. Ancora più perfetti sembrano essere quelli di tipo QLED. Ovviamente l’esborso per l’acquisto di televisori di questo tipo sale considerevolmente.

La funzione, smart-tv, ormai presente anche nei modelli meno costosi, è utile per chi vuole usufruire dei contenuti multimediali disponibili in rete. Invece, per l’Home Cinema, è sconsigliato l’acquisto di televisori 3D. Un formato questo che non ha mai avuto il successo sperato.



Un proiettore per sentirsi davvero al cinema.

Come abbiamo visto i televisori di grandi dimensioni costano abbastanza e se il soggiorno è davvero molto grande la spesa per un televisore da ben 78″ può diventare ingente. In questi casi si può optare per un proiettore, un apparecchio che offre il vantaggio di una diagonale molto grande ad un costo relativamente contenuto.

cinema-in-soggiornoParadossalmente il proiettore è anche una buona soluzione per ambienti piccoli. Alcuni modelli permettono diagonali grandi a soli 50 cm di distanza di proiezione.

Il proiettore sembra avere tutte le caratteristiche per ricreare perfettamente l’atmosfera del cinema in salotto, ma purtroppo non è esente da svantaggi: il suo uso non è immediato come quello della TV e per poter usare il proiettore come un televisore tradizionale, dovrete collegarlo ad un tuner per la ricezione dei canali televisivi. In oltre, per usufruire della miglior visione, occorre un telo di proiezione e una stanza completamente buia.

Requisiti necessari per un buon proiettore.

Scartando i modelli non adatti alla visione di film consiglio apparecchi che abbiano questi requisiti:



Diffusione del sonoro.

Per ricreare nel soggiorno di casa l’audio coinvolgente del cinema, sarà necessario l’acquisto di un impianto Home Theatre. Attualmente i più diffusi sono sostanzialmente di due tipi: quelli denominati 2.1, provvisti di due casse e un subwoofer, e quelli chiamati 5.1, che hanno invece cinque casse e un subwoofer. Queste non sono le uniche soluzioni disponibili sul mercato, per le stanze più grandi sono disponibili anche impianti 7.1

cinema-in-soggiornoGli impianti con più casse offrono un maggior coinvolgimento sonoro, ma occorre maggiore spazio per disporre correttamente gli altoparlanti. Per gli ambienti di piccole dimensioni si può optare per un sistema 2.1, oppure scegliere la soluzione delle sound-bar che occupano pochissimo spazio sotto la TV. Dopotutto per avere un effetto cinema realistico non è necessario per forza un impianto 5.1 visto che non esistono Dolby Surround superiori ad un 2.1, tanto che gli apparecchi 5.1 o 7.1 non riportano mai la dicitura Dolby Surround, ma piuttosto la scritta Dolby Digital.

Requisiti per un buon audio cinema.

cinema-in-soggiornoSia gli home theatre 2.1 che quelli 5.1 consentono un audio immersivo adatto al cinema domestico. Generalmente i sistemi 5.1 riproducono una gamma di effetti maggiori, ma il loro audio risulta meno definito e pertanto poco adatto all’ascolto della sola musica. A parte queste distinzioni per uditi sopraffini, tutto sommato la scelta dell’uno o dell’altro sistema dipende unicamente dallo spazio a disposizione. Se avete abbastanza spazio per collocare ad arte i diffusori, scegliete tranquillamente un impianto 5.1 o 7.1, diversamente orientarvi su un più compatto modello 2.1 con Dolby Surround.

In ambedue i casi il parametro più importante da valutare prima dell’acquisto, sono i Watt Rms. Questi esprimono la potenza massima erogabile dall’impianto senza che vi sia alcuna distorsione.

cinema-in-soggiorno

Potrete acquistare impianti home theatre in kit all-in-one, completi di tutto il necessario, oppure acquistare separatamente sinto-amplificatore e diffusori audio. L’acquisto degli elementi separati è consigliata a chi desidera qualità e vuole costruire l’impianto poco per volta. Ad esempio, si può acquistare inizialmente solo il sinto-amplificatore e i due canali frontali per poi aggiungere le altre parti successivamente.

Come disporre le casse.

Lo speaker centrale va posizionato alla base dello schermo, mentre le altre 4 casse andranno sistemate in questo modo: due davanti alle sedute, orientate verso il centro di visione e ascolto, le altre due ai lati dello spettatore. Dietro di esso possono essere posti gli eventuali altoparlanti per gli effetti degli impianti 7.1.

Qui altre informazioni per il corretto posizionamento dei diffusori audio di un impianto Home Theatre.



Tipi di sorgenti.

Altro elemento necessario per realizzare il vostro cinema in soggiorno è l’accessorio per gestire i film che volete riprodurre. Può essere una banale chiavetta USB da collegare direttamente al televisore o al proiettore, ma se si vuole vedere contenuti di qualità l’impianto dovrà essere corredato di un lettore blu-ray.

Molto interessanti da utilizzare come sorgenti sono i cosiddetti set top box, degli apparecchi di piccole dimensioni con a bordo l’hardware necessario per riprodurre film in ogni formato e standard conosciuto. In questi sono presenti ogni genere di connessione possibile e non ultimo un software interno per contenuti multimediali e servizi vari disponibili sul web.

Utile risulta la possibilità di poter disporre di una connessione Bluetooth all’impianto per poter accedere ai contenuti audio-video dello smartphone.

Cinema in soggiorno: tre soluzioni tipo.

La prima soluzione che vi propongo per realizzare il vostro cinema in soggiorno è una soluzione low budget. Adatta ad usi con minori pretese, ma comunque soddisfacenti, questa è realizzabile con una spesa inferiore a 500,00 Euro.

Il sistema si compone di un televisore LG 43LK5000PLA, un Full HD di 43″ che non dispone di funzionalità Smart, ma nella dotazione di porte c’è anche una porta audio di tipo digitale ottico a cui si può collegare la sound-bar Yamaha YAS-105 con la quale si ottiene un surround virtuale 7.1 di discreta qualità. Questo supporta anche il collegamento Bluetooth. Per la gestione delle sorgenti consiglio il set top box di Xiaomi che può sopperire anche alle funzionalità smart che mancano alla TV.

Tale configurazione è soddisfacente per l’uso Home Cinema occasionale e per l’utilizzo giornaliero della TV.

Cinema in soggiorno pronto all’uso.

La seconda configurazione è pensata per chi desidera qualità senza troppe complicazioni per l’installazione degli elementi per realizzare il cinema in soggiorno. Per questo sistema si spendono meno di 1.000,00 Euro scegliendo un televisore 4k di Samsung di grande qualità. Questo dispone di una speciale funzionalità Clean View, che migliora i colori e il rapporto di contrasto.

Per l’audio consiglio il kit all in one Yamaha YHT-1840, già pronto per l’uso e composto da sinto-amplificatore da 5.1 canali e un sistema di cinque satelliti (quattro + centrale) e subwoofer dedicato. Il sinto-amplificatore è dotato del famoso Cinema DSP per migliorare la scena sonora. Il lettore blu ray Sony BDP-S1700  completa le sorgenti dei contenuti disponibili online e accessibili direttamente dalla TV.

Il cinema in soggiorno per chi vuole di più.

Questa configurazione è adatta per chi ha tanto spazio in soggiorno e vuole ottenere un esperienza molto vicina a quella di una vera e propria sala cinematografica.

Il sistema prevede l’uso di un proiettore Acer H7850 con risoluzione 4K, luminosità massima di 3000 ANSI Lumen e contrasto elevatissimo, pari a 1000000:1. Questo proiettore è tra i migliori da poter dedicare all’Home Cinema. Naturalmente a questo va abbinato un buon telo da proiezione.

Per poter inserire dei diffusori più grandi ho scelto sinto-amplificatore Yamaha RX-V681 con una buona resa sonora anche agli alti volumi. Compatibile con il più recente formato audio Dolby Atmos, permette di collegare fino ad un massimo di 7 canali più subwoofer.

Con tanto spazio a disposizione si può realizzare un impianto molto completo scegliendo il kit di casse dell’italiana Indiana Line, Nota che si caratterizza per la sua buona resa anche nell’ascolto di sola musica.

Adesso che avete realizzato il vostro cinema in soggiorno, non vi resta altro che godervi i vostri film preferiti in compagnia della famiglia e dei vostri amici, ma non dimenticate di preparare dei popcorn prima che il film cominci.

Tutte le immagini di questo articolo, se non diversamente specificato, sono tratte da Pinterest.

Usate i commenti per i vostri dubbi e le vostre domande riguardo questo articolo.

Non dimenticate di condividerlo con i vostri amici.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.