Come combinare mobili classici e moderni.

Una delle tendenze di arredamento attualmente in voga è quella di combinare mobili classici e moderni. Una possibilità che permette di personalizzare l’arredamento di casa con risultati particolari dai piacevoli contrasti.

Pur non essendo impossibili, accostamenti di questo tipo non sono semplici da realizzare se ci si affida unicamente all’improvvisazione.

 

Personalizzare gli ambienti.

Gli stili con cui poter arredare casa sono davvero tanti, da quelli di tendenza a quelli più tradizionali e come più volte predicato in queste pagine, mantenere lo stile preferito come unico filo conduttore per arredare casa consente di avere misura e consapevolezza di ciò che si sta facendo.

Evitare mescolanze di stili che differiscano troppo tra una stanza e l’altra è una scelta sicura, tuttavia questa coerenza non sempre è garanzia di buoni risultati: in un arredamento classico indispensabile è evitare l’effetto museo, così come in un arredamento moderno è necessario scongiurare risultati sterili e freddi. Persino l’arredamento più curato sarà veramente “vostro” solamente se saprete personalizzarlo per farlo convivere con voi in quello spazio che vi rappresenta: la vostra casa.

Un tavolo retrò con sedie di design morbido e avvolgente.

 

Combinare mobili classici e moderni è una possibilità per personalizzare l’arredamento di casa con risultati sorprendenti: elementi minimali e moderni possono essere utili per sdrammatizzare un arredamento classico “troppo impegnativo”, mentre oggetti e mobili del passato possono scaldare l’ambiente troppo freddo di un contesto moderno.

Ottime per essere inserite in contesti classici, le sedie in policarbonato di Kartell.


Alcuni consigli per combinare mobili classici e moderni con successo.

Non esistono regole prestabilite per combinare mobili classici e moderni, tuttavia alcuni aspetti sono da tenere in conto.

  1. Necessario prima di ogni cosa è stabilire quale sarà lo “stile predominante” che desiderate per il vostro arredamento, per poi scegliere quali dettagli in “stile opposto” inserire. Se lo stile predominante sarà quello classico sceglierete qualche complemento dal design minimalista, viceversa, in un ambiente moderno potrete introdurre un mobile in legno rustico.
  2. Per evitare l’impressione di un arredamento casuale e senza alcuna logica, evitate di arredare la stanza mescolando mobili e oggetti un po’ di uno stile e un po’ dell’altro, senza lasciare emergere un soggetto principale. Inserite pochi pezzi, un buon abbinamento è quello che riesce a dare il giusto peso ad ogni elemento gli “inserimenti”, moderni su classico e viceversa, con semplicità devono evidenziare e valorizzare il contesto.
  3. Non riempite gli spazi fino all’eccesso, tenete conto delle proporzioni soprattutto nell’inserimento di mobili antichi, questi spesso hanno dimensioni non rapportabili agli spazi degli appartamenti moderni.
  4. I colori degli elementi che vorrete inserire devono essere in accordo cromatico con i colori già presenti nell’arredamento che li accoglierà.
  5. Per le forme preferite il contrasto di elementi semplici e lineari in un contesto classico e viceversa. Accostamenti sbagliati guastano qualunque tipo di abbinamento.

 

In una camera da letto in stile moderno si può inserire uno scrittoio vagamente rococò, oppure una poltrona di gusto antico, o ancora un bel comò in noce per godere del fascino dei tempi andati. Ai piedi del letto, poi, può far bella figura un baule antico. Se la camera fosse in stile antico si può inserire qualche pezzo di design moderno: una poltrona, un lampadario o una lampada a da terra.


Domande riguardo questo argomento? Formulate la vostra domanda nei commenti, risponderò al vostro quesito in brevissimo tempo.

Protected by Copyscape
Tutte le immagini di questo articolo, se non diversamente specificato, sono tratte da Pinterest.