Come pulire il parquet senza rovinarlo.

Il parquet in legno è un pavimento molto elegante che riesce a regalare sensazioni piacevoli e uniche. Purtroppo questo è un rivestimento delicato e per mantenerlo in condizioni ottimali e farlo durare a lungo occorre eseguire la sua manutenzione con accortezza. Soprattutto è necessario saper pulire il parquet senza rovinarlo, visto che su di esso non è possibile agire con forza per una sua igienizzazione profonda.

Photo by Rumman Amin on Unsplash

Pulire il parquet – indicazioni generali.

Apprezzato per la sua naturalezza, il parquet necessita di una manutenzione idonea ad esaltarne la sua bellezza ed a preservare il suo aspetto inalterato nel tempo. Si tratta di interventi specifici per proteggerlo dalla naturale ossidazione del legno, dovuta all’esposizione alla luce e all’aria. Soluzioni adatte a farne risaltare le venature e a mantenere il suo colore naturale. Per far ciò è indispensabile conoscere alcune indicazioni di carattere generale adatte per la pulizia e il mantenimento di qualsiasi tipo di parquet.

Ricordate: il parquet non ama gli eccessi di acqua, ma nemmeno di detergenti e lucidanti! Per pulire il parquet è bene tenere le finestre aperte per far circolare l’aria e accelerare la sua asciugatura.
Photo by Lasse Møller on Unsplash

Spolverare il parquet prima di tutto.

Un ulteriore e fondamentale precauzione per qualsiasi tipo di parquet è quella di spolverarlo bene prima di qualsiasi lavaggio. Per questo scopo è perfetto l’uso di un panno in microfibra elettrostatico. In alternativa si possono usare dei pratici panni elettrostatici usa e getta. Questi sono venduti in kit con i quali è possibile raggiungere i posti meno accessibili.

Catturare polvere e granelli di sporco è indispensabile per evitare di graffiare il pavimento trascinando queste particelle con lo straccio. L’uso di una scopa elettrica, o di un aspirapolvere, agevola molto questa operazione. Ma attenzione l’apparecchio deve essere dotato di specifiche spazzole per parquet. Queste sono provviste di setole morbide che non graffiano la superficie del pavimento.

Lavaggio del parquet.

Il legno è materia viva e come tale risente dell’umidità e degli sbalzi di temperatura. Pertanto il parquet in legno non può essere pulito con macchine a vapore ad alta temperatura. Se si vuole sfruttare la proprietà igienizzante del calore è meglio utilizzare dell’acqua tiepida insieme ad un detergente neutro specifico per sciogliere lo sporco e l’unto dal pavimento.

Per il lavaggio del parquet non dovete mai versare acqua direttamente sul pavimento. Piuttosto usate un mocio adatto per trattare il legno con delicatezza. In ogni caso è indispensabile che non rimanga sul pavimento alcuna traccia di umidità. Per questo scopo sono utili alcuni sistemi, tutti molto pratici ed idonei alla pulizia del parquet.

Ad esempio molto pratici sono i cosiddetti lavapavimenti a spruzzo che è possibile caricare con acqua e il detergente preferito, utilizzandone solo la quantità necessaria. Con questo tipo di mocio spray è possibile raggiungere ogni angolo della stanza. Ovviamente si tratta di sistemi adatti a tutti tipi di pavimenti, ma sono particolarmente indicati per i pavimenti di legno.

Un’altro prodotto particolarmente adatto alla pulizia dei parquet in legno è l’Autoclean Mop. Si tratta di un sistema autopulente di nuova generazione provvisto di asciugatura automatica. Questo consiste di un secchio a doppia camera ed un mocio in microfibra particolarmente efficiente con il quale e possibile lavare e lucidare i pavimenti rapidamente e soprattutto asciugarli instantaneamente, cosa molto utile nella pulizia di un parquet in legno.

Quali detergenti usare.

Per la pulizia del parquet, vanno assolutamente evitati tutti i prodotti abrasivi e aggressivi: l’alcool (se non diluito in acqua), l’ammoniaca e i solventi in genere. Queste sostanze corrodono la patina naturale del legno, o il suo rivestimento di vernice, rendendolo opaco e spento.

I detergenti per il parquet devono avere una formulazione appositamente pensata per la pulizia del legno. Tra quelli disponibili in commercio è bene controllare con attenzione che non siano troppo aggressivi e che non contengano sostanze chimiche che possono danneggiare il legno. I prodotti naturali sono sempre la scelta migliore!

In commercio se ne trovano tanti, da quelli specifici per i pavimenti verniciati, a quelli per trattare anche i pavimenti oliati o cerati. Si tratta per lo più di saponi neutri ed ecologici, ma se lo desiderate potete ricorrere a soluzioni casalinghe per pulire il parquet in modo naturale.

Pulire il parquet con metodi naturali.

Pulire il parquet con metodi naturali è l’ideale per preservare il legno dall’usura, senza dover ricorrere a detersivi che troppo spesso contengono sostanze chimiche dannose per questo tipo di pavimento.

Lavaggio con acqua e alcol.

Uno dei metodi di pulizia naturale per il parquet più conosciuto ed efficace è quello di lavare il pavimento con acqua e poco alcol. Importante è effettuare la pulizia del pavimento seguendo il senso delle venature del legno ed asciugare immediatamente.

Protezione con olio d’oliva e limone.

Un altro metodo altrettanto efficiente è l’impiego di una miscela preparata con 20 gocce di succo di limone e 1 dl di olio di oliva. Mescolate e travasate in uno spruzzino la miscela e utilizzatela sulle superfici da trattare. Una soluzione facile da impiegare con uno dei sistemi di “mocio a spruzzo” di cui vi ho parlato prima.

L’azione sgrassante del limone, unita a quella nutriente dell’olio, igienizza e lucida il legno. Tale detergente naturale è perfetto anche per la pulizia dei mobili in legno.

Lavaggio con sapone nero.

Per dare nuova vita al parquet, il sapone nero è l’ideale. Per procedere al lavaggio con questo sapone importato dal Marocco, vanno sciolti in 10 l di acqua, due cucchiai di scaglie ricavate da questo sapone. Il risultato è visibile e immediato!

Come disinfettare il parquet in modo naturale.

La semplice pulizia con acqua e sapone potrebbe non essere sufficiente. Magari, avendo dei bambini piccoli, è normale desiderare un igienizzazione più profonda.

Photo by Picsea on Unsplash

Si può ricorrere in questo caso a qualche goccia di olio di tea tree da mettere direttamente sul panno in microfibra, oppure nella miscela detergente che preferite. Quest’olio essenziale svolge una potente azione disinfettante naturale.

Raccomandazioni per pulire il parquet a seconda della tipologia.

Prima di metter mano a strumenti e prodotti per la pulizia del parquet è opportuno individuare il tipo di parquet che vogliamo pulire. Si tratta di distinguere non solo le diverse essenze lignee che lo costituiscono, ovvero se si tratta di rovere, wenge, teak, ecc… ma anche il tipo di vernici con cui è trattato, cioè se è trattato con vernici ad acqua, o se presenta finiture ad olio e a cera.

Non c’è dubbio che ogni tipologia richieda attenzioni specifiche!

Pulire il parquet cerato o oliato.

I pavimenti in parquet con finitura cerata o oliata sono più delicati e maggiormente soggetti all’usura rispetto agli altri. Quelli rifiniti a cera andrebbero ricerati una volta al mese per mantenere inalterata la sua lucentezza, con prodotti idonei al loro mantenimento.

Sui parquet verniciati è possibile applicare uno strato di cera una volta tanto per vitalizzare il colore del legno, ma il prodotto lucidante deve essere adoperato con parsimonia perché di fatto non viene assorbito dal legno.

Per proteggere il legno del parquet oliato è opportuno, una volta ogni tre mesi, rinnovare l’olio di protezione impiegando un prodotto specifico.

Photo by DDP on Unsplash

Sconsigliato con i pavimenti cerati l’uso di un’aspirapolvere poiché il suo passaggio potrebbe danneggiare lo strato di cera.

Per la pulizia di parquet oliati o cerati utilizzate un panno in microfibra bagnato e ben strizzato ed evitate nella maniera più assoluta l’utilizzo di aceto per pulire il parquet oliato. Se il vostro parquet è ruvido o grezzo, per pulirlo usate un vecchio asciugamano di spugna di cotone, sempre ben strizzato.

Altri tipi di parquet.

Non è tutto qui, ci si potrebbe trovare anche a pulire un parquet laminato, simile al parquet naturale, oppure un parquet prefinito. Entrambi, pur essendo più facili da trattare richiedono opportune precauzioni per mantenerli in ordine lungamente. In questi casi sono consigliati dei detergenti antistatici di specifica formulazione.


Prodotti consigliati.

DMCA.com Protection StatusTesto di proprietà dell'autore. Tutte le immagini presenti in questo post, se non diversamente specificato, provengono dai siti pixabay.com unsplash.comoppure si tratta di immagini prelevate da PinterestNel caso in cui la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, comunicatelo ed essi saranno immediatamente rimossi.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: