Bigoli Corallo Verde

Bigoli Corallo Verde
5 (100%) 6 votes
Questo piatto l’ho inventato in occasione di un pranzo estivo improvvisato, mettendo insieme quello che avevo a disposizione. Un piatto goloso per chi ama i crostacei!
bigoli-corallo-verde
Autore e proprietà dell’immagine: Barraco Biagio.

Il pesto mi era avanzato giorni prima, l’avevo preparato come si fa dalle mie parti battendo nel mortaio con un po’ di sale marino, del basilico a foglia larga, qualche spicchio d’aglio rosso di Nubia, un po’ d’olio extravergine d’oliva, pochissimo peperoncino fresco, e tante mandorle fresche (niente formaggio).

Il pesce è quello che normalmente durante il periodo estivo si può trovare in pescheria. Si può sostituire con altri crostacei: gambero rosso, astici, aragoste, granseole, canocchie, ma niente molluschi. Le uova di pesce danno “aspetto” più che sapore, potete usare a loro posto della bottarga di tonno.

bigoli sono secondo me “insostituibili”, perfetti per questo condimento grazie alla loro caratteristica ruvidezza che trattiene bene il condimento.

Preparazione

15 min

Cottura

35 min

Tempo totale

50 min

Porzioni

6

Ingredienti.

  • 500 g pasta fresca “bigoli”
  • 1 cipolla rossa di Tropea
  • 2 spicchi aglio
  • 200 grammi pomodorini
  • 4 granchi “melograno”
  • 12 scampi taglia media
  • 200 grammi uova di pesce san pietro o altro pesce
  • 1 cucchiaio olio extravergine d’oliva
  • 1 cucchiaio pesto di basilico
  • mezzo bicchiere vino bianco secco
  • Q.b. sale e pepe

Istruzioni.

  1. Sbollentare in acqua salata le uova di pesce, lasciate freddare e privateli della sacca che li contiene.
  2. In una larga padella fate rosolare a fiamma bassa un trito finissimo composto da cipolla e aglio. Quando il soffritto si colora appena aggiungete gli scampi interi e i granchi spaccati in due, fate rosolare per bene aggiungete le uova di pesce e sfumate con un po’ di vino bianco.
  3. Quando il vino è evaporato, aggiungete i pomodori sminuzzati e aggiustate di sale. Rimestate e lasciate cuocere per qualche minuto.
  4. Mettete a bollire in acqua salata i “bigoli”, tirateli fuori a metà cottura, scolateli, ma tenete l’acqua di cottura da parte.
  5. Aggiungete la pasta al condimento e continuate la cottura in padella aggiungendo un po’ di acqua di cottura se il fondo della salsa si è asciugato troppo. La pasta deve cuocere insieme al condimento.
  6. Aggiungete il pesto e rimestate rapidamente. Quando il tutto assume un aspetto “cremoso” la pasta sarà cotta.
  7. Cospargere con poco pepe nero macinato prima di servire.

Una ricetta tutto sommato facile il cui successo è garantito dalla freschezza e dalla qualità degli ingredienti, ma fate attenzione: usate una padella di grande diametro, preferibilmente in alluminio, che possa contenere condimento e pasta di modo che possano essere “maneggiati” comodamente.


Cosa bere.

Da bere con questo piatto vi consiglio un  Lighea della cantina Donnafugata perfetto con i crostacei se servito ben freddo. Ottimo anche il Grillo Doc  Altavilla della Corte delle cantine Firriato.

DMCA.com Protection StatusTesto di proprietà dell'autore. Tutte le immagini presenti in questo post, se non diversamente specificato, provengono dai siti pixabay.com unsplash.comoppure si tratta di immagini prelevate da PinterestNel caso in cui la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, comunicatelo ed essi saranno immediatamente rimossi.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: