Eliminare macchie e muffa dal materasso.

Un materasso ben igienizzato è fondamentale per la salute di chi ci dorme. Purtroppo, la regolare pulizia del materasso potrebbe non bastare per garantire una perfetta igiene.

Eventuali macchie di natura organica o macchie di muffa, è indispensabile rimuoverle tempestivamente.

Prevenire prima di tutto!

La prevenzione è la miglior cura che esiste per il vostro materasso. Per evitare di dover rimuovere macchie di diversa natura che si possono verificare, vi consiglio di proteggere il vostro materasso con un buon coprimaterassoÈ più facile lavare il coprimaterasso in lavatrice, che cercare di rimuovere le macchie dal materasso.

Assicuratevi al momento dell’acquisto che il coprimaterasso sia traspirante e realizzato con ottimi materiali anallergici.


Eliminare macchie e muffe dal materasso.

Per smacchiare un materasso è indispensabile valutare il tipo di macchia che si vuole rimuovere. Ogni sostanza va trattata in modo specifico, ma attenzione anche alla tipologia di materasso da trattare: i materassi in lattice e in memory foam vanno trattati diversamente dai materassi a molle o in fibra naturale.

Va anche detto che le macchie organiche, così come le spore di muffe, sono da rimuovere immediatamente perché pericolose per la salute a causa dei batteri che si possono sviluppare. Le muffe, in particolare, sono pericolose per la salute perché sono causa di allergie e malattie polmonari. Tra l’altro, la muffa, alimenta la proliferazione degli acari, anche questi dannosi per la salute dell’uomo. Dormire su un materasso dove sono presenti macchie di muffa va assolutamente evitato!


Perché si verificano le macchie di muffa sul materasso?

Eliminare-macchie-e-muffa-dal-materassoLa comparsa di muffe sul materasso si verifica a causa della forte umidità ambientale. Una temperatura compresa tra i 18°-32° C ed umidità al 60% sono le condizioni ideali per il proliferare delle spore di muffe.

Questo accade soprattutto nelle stanze in cui le finestre vengono aperte raramente per far cambiare l’aria. Tuttavia, sopratutto in estate, l’umidità causata dalla sudorazione notturna è la principale causa dello sviluppo di muffe sui materassi. Quelli in lattice, in particolare risultano molto delicati sotto questo aspetto.

La presenza di muffa sul materasso è il primo sintomo del suo invecchiamento. Se sul materasso sono presenti molte macchie di muffa (oltre il 30% della sua superficie), significa che dovete assolutamente cambiarlo.

Quando le macchie sono di piccola entità, potete adoperarvi per eliminarle, ma dovrete anche evitare che queste possano riformarsi.


Rimozione delle macchie di muffa dai materassi tradizionali.

Per rimuovere la muffa dai materassi in lana o a molle tradizionali è meglio utilizzare un aspirapolvere con vaporizzatore per sciogliere i funghi che hanno attaccato il materasso.

Attenzione! Questo metodo è assolutamente da evitare sui materassi in lattice e memory foam, ma anche di materassi a molle di ultima generazione con parti in foam, che potrebbero danneggiarsi a contatto con il calore.

  1. Dopo aver passato le superfici del materasso con il vaporizzatore, questo va lasciato asciugare all’aria aperta almeno otto ore.
  2. Quando il materasso sarà completamente asciutto, con l’aspirapolvere, bisogna rimuovere i residui di muffa.
  3. Se necessario tamponate la superficie del materasso con un panno umido imbevuto di candeggina, facendo attenzione che il liquido non venga assorbito in profondità nel tessuto e che quindi non danneggi il materasso.
  4. Le aree trattate con la candeggina potranno essere asciugate localmente utilizzando un asciugacapelli.

Va ricordato che la candeggina, se utilizzata non diluita, può scolorire il tessuto della fodera.

Se il vostro materasso non è del tipo a molle tradizionali, oppure non volete intervenire con un vaporizzatore, o più semplicemente non volete utilizzare della candeggina, vi consiglio di eseguire il metodo indicato più avanti per i materassi in lattice o in memory. Questo può essere applicato su materassi di ogni tipo, compresi quelli a molle.


Eliminare la muffa dai materassi in lattice, o memory foam.

  1. Prima di ogni cosa, fate prendere un po’ d’aria al materasso. Mettetelo all’aria aperta esponendolo al sole per qualche ora.
  2. Con un panno pulito passate sopra le macchie di muffa per rimuoverle.
  3. Aiutatevi con un aspirapolvere per raccogliere le microscopiche spore. Attenzione! Gettate via il sacchetto dell’accumulo di polvere una volta terminato. Non dovete diffondere in alcun modo in casa le spore della muffa.
  4. Usate uno spray disifentatte antibatterico di ottima qualità. Quello venduto da Wurth, è davvero ottimo per eliminare e uccidere qualsiasi tipo di spora presente sul materasso oltre ad eliminare i cattivi odori causati dalle muffe.

Come evitare che la muffa possa ripresentarsi.

Per evitare che si ripresenti la muffa sul vostro materasso attenetevi alle norme per la pulizia e la manutenzione che trovate sull’articolo: “Pulizia del materasso”. Fate girare spesso il materasso e soprattutto fatelo arieggiare almeno una volta a settimana.

Se, nonostante voi eseguiate scrupolosamente tutti gli accorgimenti detti fin qui, la muffa ritorna dopo poco tempo, ciò significa che la stanza dove dormite è molto umida. Poiché gli acari della polvere proliferano in ambienti umidi, prendete in considerazione l’acquisto di un deumidificatore per ridurre il tasso di umidità nell’aria.


Togliere aloni giallastri dal materasso.

Il materasso esposto all’umidità si macchia di fastidiosi aloni giallastri su tutta la sua superficie. Per eliminarli basta pulire il materasso con una spazzola intrisa di una soluzione di bicarbonato di sodio e acqua tiepida.

Se le macchie giallastre fossero piuttosto ostinate è possibile utilizzare dell’acqua ossigenata, da versare direttamente sopra la macchia e da spazzolare energicamente.

Questo metodo di pulizia va bene solo per materassi a molle tradizionali. Per l’uso di acqua ossigenata è consigliabile provare a mettere qualche goccia di acqua ossigenata su un angolo poco visibile della fodera del materasso, per verificare che non si scolorisca.


Rimozione delle macchie di sangue.

Eliminare-macchie-e-muffa-dal-materassoPer la pulizia di eventuali macchie organiche come quelle di sangue, si può impiegare della semplice acqua ossigenata.

Applicate l’acqua ossigenata sulla macchia e tamponatela con un panno bianco asciutto e pulito. Fate questo mentre è in corso la reazione, ovvero quando comincia a fare le bollicine.

Se si tratta di sangue fresco, è possibile rimuovere la macchia tamponando con una miscela di acqua tiepida e sale. In questo caso è fondamentale non utilizzare acqua fredda altrimenti questa farà fissare la macchia in profondità nel tessuto, inoltre è opportuno evitare di strofinare la zona, per non espandere la macchia ulteriormente.

Il metodo dell’acqua ossigenata può essere impiegato anche nei materassi in lattice o in memory, ma è necessario applicare sul materasso piccole quantità di acqua ossigenata alla volta, altrimenti la schiuma del materasso si potrebbe danneggiare.


Rimuovere le macchie e l’odore di urina.

Le macchie d’urina sono tra le più difficili da rimuovere, poiché il forte odore impregna anche la parte interna del materasso.
Se a vostro figlio dovesse capitare di fare la pipì a letto, procedete in questo modo:

  1. per evitare che il materasso assorba completamente il liquido, utilizzate un pezzo di carta assorbente per rimuoverne il più possibile, indispensabile in questo caso è agire tempestivamente.
  2. Tamponate la parte bagnata con un panno imbevuto di acqua  un buon detergente agli enzimi profumante. Questo tipo di prodotto elimina i cristalli di acido urico presenti nella macchia e toglie il cattivo odore.

Pulire il materasso in lattice dalle macchie di urina.

  1. Evitate che il materasso assorba il liquido, utilizzando tempestivamente della carta assorbente.
  2. Coprite l’intera macchia con del bicarbonato di sodio utilizzando un panno umido e lasciate agire per almeno un’ora, cioè il tempo necessario per assorbirne l’odore.
  3. Passate l’aspirapolvere sulla zona trattata e utilizzate uno spray disifentatte antibatterico se necessario.

 

Eliminare macchie e odore di feci o di vomito.

Per macchie provocate da vomito, urina o feci e meglio impiegare un potente detergente deodorante ad azione anti-batterica. Ad esempio, per gli incidenti causati dai nostri piccoli amici a quattro zampe esistono efficienti detergenti specifici.

Eliminare macchie e muffa dal materasso.
4.7 (94.15%) 41 votes
Quanto vi è piaciuto questo post? Il vostro giudizio conta!

Prodotti consigliati.

Domande riguardo questo argomento? Formulate la vostra domanda nei commenti, risponderò al vostro quesito in brevissimo tempo.

Protected by Copyscape
Tutte le immagini di questo articolo, se non diversamente specificato, sono tratte da Pinterest.