Guida alla scelta del frigorifero.

Guida alla scelta del frigorifero.
5 (100%) 1 vote

scegliere-il-frigorifero-testataConsiderato che frigoriferi e congelatori sono destinati a conservare l’integrità degli alimenti, questo tipo di apparecchi vanno scelti con grande attenzione, in base alle reali necessità e non in base alla disponibilità dei tanti optional non sempre tutti veramente utili.

Scegliere il frigorifero giusto.

Con questa guida alla scelta del frigorifero eviterete tante “distrazioni” e apprenderete alcune informazioni sul corretto utilizzo di questo prezioso e irrinunciabile elettrodomestico, ma prima di tutto è bene fare una considerazione preliminare:

Oltre a garantire buone prestazioni un buon frigorifero, per definirsi tale, deve essere progettato per contenere al massimo i consumi e l’impatto ambientale.

I modelli in commercio sono tantissimi distinti a seconda della tipologia d’istallazione, capacità e tecnologia impiegata, di seguito tutte le caratteristiche da tenere in considerazione per l’acquisto di un frigorifero.

Dimensioni e tipologia.

Incasso o libera istallazione.

Prima dell’acquisto del frigorifero la prima cosa che va tenuta in considerazione sono le dimensioni che dovrà avere in base allo spazio a disposizione. La scelta andrà fatta inevitabilmente tra le uniche due tipologie disponibili: incasso o libera istallazione.

Se optate per un frigorifero ad incasso, vale a dire integrabile con i rivestimenti della vostra cucina, sarete obbligati alle dimensioni standard del mobile. Il vantaggio della facilità con cui si può integrare un frigorifero di questo tipo anche in contesti eleganti ha come limite una capacità ridotta che solitamente non supera i 280 litri e che, come vedremo più avanti, risulta sufficiente per una famiglia di appena tre persone.

Nel caso di un frigorifero free-standing, cioè a libera installazione, non avrete problemi di capienza, ma solo il limite dello spazio disponibile.

Va detto che la destinazione dello spazio dove installare il frigo non può dipendere esclusivamente dalla sua grandezza o dalla conformazione della cucina. La posizione va scelta con cura, perché inciderà sul consumo effettivo dell’apparecchio, quindi prestate attenzione a sistemare il frigo in luogo ventilato e lontano da fonti di calore: forni, piastre radianti, finestre o pareti dove picchia il sole(Vedi paragrafo sulle norme per la corretta istallazione).

Capienza.

La capienza del frigorifero andrebbe valutata in base alle esigenze della propria famiglia, alla quantità di cibo impiegata normalmente e quindi al numero di componenti del nucleo familiare.

Piuttosto che farvi influenzare dalle marche blasonate e da inutili gadgets scegliete il frigorifero della giusta capacità perché, se sarà troppo grande rispetto alle vostre necessità lo terrete semivuoto e questo vi farà sprecare energia elettrica, se invece ne prenderete uno poco capiente sarete costretti a stiparlo malamente il che comporta una cattiva refrigerazione dei prodotti e anche in questo caso un consumo eccessivo di corrente.

La capacità dei frigoriferi, ovvero la loro capienza, è riferita a standard ISO e calcolata in litri. Solitamente si distinguono una capacità lorda totale da quelle nette di freezer e frigo. Calcolate che mediamente sono sufficienti 100 litri di capacità totale per persona. Un frigorifero di media capacità (280 litri), sufficiente per una famiglia di tre persone o composta da due adulti e due bambini, consumerà intorno ai 300 kWh all’anno, indipendentemente che esso sia pieno o vuoto. I consumi mensili aumentano di 10-20 kWh per ogni 100 litri di capacità in più.

Numero di porte.

In base alle vostre abitudini potrete orientare la scelta del frigorifero basandovi sul numero di ante di cui è dotato. Tutti generalmente possiedono oltre che un vano frigorifero anche un congelatore. I modelli differiscono per capienza e temperature raggiunte dal congelatore, i migliori sono quelli a 4 stelle, nei quali la temperatura raggiunge i -18° e la conservazione è garantita per un anno. Questi tipi possono essere impiegati per congelare sia alimenti freschi che congelati.

I frigoriferi monoporta sono adatti a coloro che hanno l’abitudine di acquistare alimenti freschi con una certa frequenza e non necessitano di lunga conservazione. Queste tipologie hanno dimensioni ridotte e una piccola cella (anche a quattro stelle) per conservare pochi alimenti surgelati. Quelli senza cella e di grandi dimensioni possono essere utili se si intende acquistare a parte un congelatore a pozzetto.

I frigoriferi a due porte sono i più diffusi, hanno un’anta per il frigo in basso e l’altra sopra per accedere al congelatore (generalmente a quattro stelle). Detti anche frigo-congelatori, sono molto pratici in quanto consentono anche di congelare cibi freschi. Alcuni modelli hanno motori separati e quindi la possibilità di utilizzare solo una parte del frigorifero, con un buon risparmio di energia.

I frigoriferi a due porte detti combinati, hanno il vano frigo posto in alto e quello del congelatore in basso, entrambi di dimensioni generose. Anche questi possono essere con motore unico o separati.

I frigoriferi americani sono quelli che dispongono di due ante contrapposte (side by side) spesso molto capienti e accessoriati con dispenser per l’acqua e fabbricatori di ghiaccio, ma attenzione necessitano di un allaccio alla rete idrica. Vanno bene per grandi gruppi o famiglie numerose.

Tecnologie disponibili.

scelta-del- frigorifero
Tecnologia Nofrost
scelta-del- frigorifero-2
Tecnologia Multi Air Flow

Riguardo alle tecnologie quelle più importanti sono il sistema No Frost e quello Multi Air Flow. La prima garantisce una perfetta conservazione degli alimenti impedendo la formazione di brina grazie ad una ventilazione interna che fa circolare aria a temperatura ed umidità controllate. Questa funzione è particolarmente utile nella stagione più calda per il raffreddamento rapido e omogeneo dei cibi, oltre a garantire una migliore conservazione degli alimenti e un minore spreco di energia.

I frigoriferi con tecnologia Multi Air Flow hanno un sistema che convoglia l’aria fredda a temperatura differenziata nei vari reparti del frigorifero. Si hanno così a disposizione dei vani freddissimi (almeno 0 C°) per le carni ad esempio, ed altri con temperature più delicate per verdure e latticini.

Alcuni frigoriferi sono dei veri e propri gioielli tecnologici, dotati di compressore lineare oppure con compressore Digital Inverter. Questo tipo di frigoriferi sono più longevi, più silenziosi (40 db) e hanno un’efficienza energetica molto alta rispetto ai frigoriferi con compressori tradizionali (A++ con il 40% di risparmio energetico).

Consumi ed Ecologia.

Il 70% del costo della bolletta di energia elettrica domestica dipende dal funzionamento di grandi elettrodomestici come il frigorifero che tra l’altro è tenuto in funzione ventiquattro ore su ventiquattro per tutti i giorni dell’anno. Per questo la scelta del frigorifero non può prescindere da una lettura attenta dell’etichetta energetica.

Al di là del prezzo che pagherete per l’acquisto del frigorifero, ciò che inciderà maggiormente sui costi globali sarà proprio il consumo di energia durante il suo funzionamento.

L’etichetta energetica, apposta ben in vista su tutti gli elettrodomestici, fornisce tutte le informazioni relative alle caratteristiche prestazionali del prodotto e quindi anche al consumo di energia elettrica. Sulla targhetta trovate indicate la potenza in Watt e il consumo in kWh. Un frigorifero di classe A consuma almeno il 30-40% in meno rispetto a uno di 10 anni fa, fino al 50-60 % per i nuovi prodotti in classe A+, A++ e A+++. Il costo maggiore di questi apparecchi è facilmente ammortizzabile con l’energia elettrica risparmiata.

 energy-label-frigorifero

Oltre ai dati relativi ai consumi, verificate che il materiale usato per l’isolamento sia di qualità e sufficiente per garantire ottime prestazioni. L’isolamento ha il compito di mantenere quanto più possibile stabile la temperatura interna limitando l’accensione del compressore e quindi allungando la durata dell’elettrodomestico e aumentando il risparmio di energia.

Sotto il punto di visto ecologico accertatevi che il gas del circuito refrigerante sia a basso impatto ambientale (tipo R600a).

 

Rumorosità.

È importante che gli elettrodomestici messi in funzione anche nelle ore notturne siano silenziosi, quindi leggete il grado di rumorosità espresso in decibel ( dB ) in etichetta. Alcuni apparecchi sofisticati hanno livelli molto bassi intorno ai 40 dB, ma si ritiene accettabile un valore intorno ai 50 dB.

Accessori.

Accessori molto utili anche se non indispensabili possono essere: la presenza di due termostati per poter regolare separatamente frigo e freezer; delle spie luminose o acustiche che segnalino la mancanza di corrente o la non corretta chiusura di una porta. Di indubbia utilità è la funzione di acceleratore di freddo che permette di aumentare il freddo, mantenendo la temperatura interna costante quando si introducono grandi quantità di nuovi cibi nel frigorifero o nel congelatore.

Alcuni modelli costosi sono provvisti di funzione anti-blackout che garantisce il funzionamento per almeno quattro ore in caso di interruzione della corrente. Dispenser per l’acqua e fabbricatori di ghiaccio integrati in molti frigoriferi americani sono comodità rinunciabili.

Budget di spesa.

Il budget a disposizione determina la fascia di prezzo dove cercare il miglior frigorifero adatto a voi. Generalmente gli elettrodomestici di classe energetica più bassa e di marchi meno prestigiosi costano meno, ma questo non significa che siano di cattiva qualità.


Uso e installazione.

Il consumo di un frigorifero dipende, oltre che dal suo utilizzo, anche da come esso viene installato. Per un miglior rendimento seguite questi consigli.

  • Collocate il frigorifero o il congelatore lontano da fonti di calore: forni, termosifoni, scaldabagni e anche finestre o pareti esposte al sole.
  • Mantenete una distanza minima di 10 cm tra il muro e la parte posteriore del frigorifero, per non costringere il compressore a lavorare di più per mantenere costante la temperatura interna.
  • Non collocate il frigorifero in locali poco ventilati, tipo ripostigli senza finestra, ne ostacolate con mensole o pensili il deflusso dell’aria calda che avviene nella parte superiore del frigorifero.

Disposizione degli alimenti.

pulizia-e-manutenzione-del-frigorifero-testata

Per una ottimale conservazione degli alimenti è importante disporli all’interno del frigorifero in modo razionale e seguendo attentamente le istruzioni indicate dal costruttore sul manuale di uso e manutenzione. In ogni caso osservate queste regole generali.

  • Non sovraccaricare il frigorifero ammassando i cibi uno sull’altro impedendo all’aria di circolare liberamente tra loro.
  • Lasciate sempre un po’ di spazio tra gli alimenti e la parete di fondo del frigorifero.
  • Gli scomparti per conservare e congelare, sono identificati da un codice internazionale a stelle: nel reparto contrassegnato da una sola stella ( -6°C) vanno sistemati i cibi surgelati in previsione di un imminente consumo (massimo di 1 Settimana); in quello contrassegnato con due stelle (-12°C) vanno introdotti i cibi che verranno consumati entro il mese; nel reparto con tre stelle (-18°C).
  • I prodotti possono essere conservati per un anno solamente nel reparto a quattro stelle, grazie ad una temperatura che arriva fino a -30°C, dove possono essere congelati gli alimenti freschi.

Pulizia e manutenzione.

come pulire il frigoriferoLa conservazione ottimale dei cibi e il buon funzionamento del frigorifero dipende dalla sua corretta manutenzione e pulizia. Per sapere come mantenere pulito ed efficiente il vostro frigorifero leggete questo articolo: Pulizia e manutenzione del frigorifero.

Tutte le immagini di questo articolo, se non diversamente specificato, sono tratte da Pinterest.

Usate i commenti per i vostri dubbi e le vostre domande riguardo questo articolo.

Non dimenticate di condividerlo con i vostri amici.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.