Pulire il lavello in fragranite è un problema?

pulire-il-lavello-in-fragraniteStanche di risultati deludenti e di fatiche inconcludenti?

Non disperate, quella che state per leggere è la guida completa che stavate cercando, quella che vi svelerà tutto quello che c’è da sapere su come pulire e mantenere il vostro lavello in fragranite.

 

Prima di scoprire come riuscire pulire il lavello in fragranite alla perfezione, cerchiamo di capire come è fatto.

Questo tipo di lavelli, molto duraturi, sono realizzati utilizzando un materiale composito formato da piccolissime particelle di granito tenute insieme da una resina acrilica.

I lavelli di questo tipo più conosciuti sono quelli prodotti dalla Franke, nota azienda italiana che ha dato il nome Fragranite a questo materiale, ma anche altre aziende, come Plados ed Elleci, solo per citarne alcune, producono lavelli molto simili. In questa guida, dove vi spiego come pulire il lavello in Fragranite, mi riferirò con questo nome, per comodità, a tutti i lavelli prodotti in materiale composito, indipendentemente dalla loro marca e nome commerciale.

I lavelli in materiale composito devono il loro successo soprattutto al loro aspetto estetico e alla possibilità di essere facilmente integrati in abbinamenti cromatici prima impensabili.

 

Calcare – un nemico per qualsiasi lavello.

Dotati di grande resistenza agli urti e ai graffi, almeno a detta dei costruttori, i lavelli in Fragranite sarebbero più semplici da pulire rispetto a quelli in acciaio inox. In realtà ben sappiamo che sciacquare quotidianamente il lavello non è sufficiente per una sua corretta igienizzazione, nemmeno quando il lavello è realizzato con materiali così “rivoluzionari” e non sono poche le segnalazioni circa a problemi connessi alla rimozione del calcare e delle macchie ostinate da questo tipo di lavelli. Addirittura alcuni lavelli di colorazione particolare sono difficili da mantenere impeccabili così come sperato al momento del loro acquisto.

Soprattutto sui lavelli di colorazione scura, si forma una patina biancastra anche dopo lavaggi insistiti, mentre i lavelli dai colori chiari tendono a macchiarsi di scuro sul fondo. In ambedue i casi il responsabile è il calcare contenuto nell’acqua che in alcune zone è particolarmente dura.

La patina biancastra di calcare, più visibile sui lavelli di colorazione scura, si accumula sul fondo del lavello rendendolo più ruvido e poroso quindi permeabile a macchie che con il tempo divengono ostinate.

Macchie di calcare che si formano frequentemente sul vostro lavello sono indice di un eccessiva durezza dell’acqua proveniente dalla rete domestica, vi consiglio in questi casi di eseguire un test con un semplice kit per la misurazione della durezza dell’acqua che potrete acquistare su Amazon. Il test è utile a valutare una eventuale necessità di riduzione del carbonato di calcio presente nell’acqua per mezzo di un addolcitore.

In conclusione, per impedire che un lavello si macchi in maniera tale da rendere difficile la sua pulizia, bisogna eseguire quotidianamente la sua corretta igienizzazione periodica e conoscere tutte le cose che vanno assolutamente evitate.

Come pulire il lavello in fragranite.

  • pulire-il-lavello-in-fragranitePer la pulizia giornaliera si raccomanda di pulire il lavello dopo ogni utilizzo impiegando del normale detersivo per i piatti, anche del tipo concentrato, mescolato con del bicarbonato di sodio in rapporto 1/1. L’azione del bicarbonato rallenterà la formazione delle macchie sul fondo del lavello.
  • Per rimuovere a fondo grasso e calcare, la miscela detersivo-bicarbonato va passata per mezzo di una spugna moderatamente abrasiva, sfregando energicamente e compiendo piccoli movimenti circolari.
  • Infine risciacquate abbondantemente con acqua tiepida e asciugate per bene con un panno in microfibra per evitare ristagni d’acqua che prosciugandosi possono lasciare depositi di calcare.

Attenzione! Per pulire il lavello in fragranite non usate mai spugnette d’acciaio abrasive.

Ottima per questo impiego è quella raccomandata da Franke il cui costo si ripaga con gli ottimi risultati. In alternativa, potete impiegare una meno costosa spugnetta non abrasiva Scotch-Brite.

Visto che la pulizia del lavello va effettuata sempre dopo ogni suo uso è bene tenere la spugnetta destinata a questo impiego sempre a portata di mano, magari tenendola separata da quelle destinate ad altro uso. L’ideale è dotarsi di un porta-spugnette a più scomparti. Pratico e dal bel design è quello in silicone prodotto da Umbra.


Decalcificazione del lavello.

pulire-il-lavello-in-fragranite-6668Per prevenire la formazione delle macchie di calcare o il suo accumulo sul fondo del lavello, la sola pulizia giornaliera può non essere sufficiente. Raccomandato è eseguire la decalcificazione del lavello almeno una volta a settimana.

Un metodo efficiente per decalcificare il lavello prevede l’impiego di un detergente anticalcare di tipo professionale. Questo va spruzzato uniformemente sul lavello lasciandolo ad agire per qualche minuto.

Una volta risciacquato il lavello con acqua va asciugato per bene con un panno in microfibra.

Dopo aver trattato il lavello con anti-calcare, vi suggerisco di ungerlo appena con un leggerissimo velo di olio di vasellina alimentare. Questa operazione farà tornare il vostro lavello come nuovo, specie se di colorazione scura.


Se non volete usare prodotti chimici per la decalcificazione del lavello, in alternativa potete impiegare dell’aceto bianco puro.

L’aceto va lasciato agire per almeno 4 ore. Per rallentare la sua evaporazione poggiate sulle superfici appena spruzzate, dei fogli di carta forno.

Si può anche unire alla miscela di detergente per i piatti e bicarbonato indicata per la pulizia giornaliera, dell’aceto bianco  per prevenire le macchie nei lavelli sia di colore chiaro che di colore scuro.


Eliminazione delle macchie e di piccoli danni occasionali.

  • Le macchie quotidiane di cibi o liquidi particolarmente coloranti, vanno rimosse immediatamente con acqua molto calda e un po’ di detersivo per i piatti, mentre le macchie d’inchiostro vanno subito eliminate utilizzando un panno imbevuto con poco alcol.
  • Macchie particolarmente ostinate, striature causate dallo sfregamento di pentole o posate, eventuali scalfitture superficiali e bruciature possono essere eliminate molto agevolmente con la specifica pasta prodotta da Franke, utile anche per rinnovare e pulire le superfici in acciaio inox.

Ostruzione degli scarichi.

pulire-il-lavello-in-fragranite-3

Come già detto prima, l’acido muriatico e prodotti similari per liberare i tubi di scarico da ostruzioni, possono danneggiare seriamente le superfici di un lavello in Fragranite, quindi è meglio prevenire l’intasamento dei tubi di scarico utilizzando questo procedimento da compiere periodicamente:

Versate nello scarico del lavello una tazza di bicarbonato insieme a del sale grosso da cucina. Aggiungete alla miscela un bicchiere di aceto e lasciate agire per 10 minuti. Infine versatevi acqua calda, ma non bollente.


In conclusione vi consiglio di prestate particolare attenzione a queste indicazioni:

  • Non appoggiate sul lavello pentole appena tolte dal fuoco o altri corpi caldi oltre i 280°C, per evitare macchie di bruciature.
  • Per pulire il lavello in fragranite non impiegate detersivi aggressivi o abrasivi. Soprattutto non usate spugnette d’acciaio fortemente abrasive per evitare che le superfici divengano porose e quindi macchiarsi facilmente, piuttosto utilizzate la spugnetta raccomandata dal costruttore.
  • Non versate nel lavello alcol, benzina, trielina, acetone e solventi in genere poiché possono aggredire la struttura chimica del lavello in modo irreparabile rendendolo più vulnerabile alle macchie.
  • Per pulire il lavello in fragranite non usate mai ammoniaca o prodotti che la contengano, perché rischiate di macchiare il lavello permanentemente.
  • La candeggina quando necessaria va impiegata diluita in acqua oppure impiegate della candeggina in gel, meno aggressiva.
  • Non usate acido muriatico, soda caustica o comunque in generale prodotti alcalini per eliminare le ostruzioni che intasano i tubi di scarico. Questi acidi possono corrodere le superfici del lavello danneggiandolo in modo irreversibile.

Se non avete mai eseguito le operazioni di pulizia nella modalità descritte fin qui, il vostro lavello sarà ormai ridotto in condizioni pessime.

Non arrendetevi! Per eliminare le macchie ostinate procedete scegliendo uno dei metodi consigliati nell’articolo “Eliminare le macchie nel lavello in Fragranite”.

 


In questo articolo sono consigliati questi prodotti:

7 commenti su “Pulire il lavello in Fragranite.

    • Salve Stefania,
      I lavelli in pietra sono delicati e per rimuovere in modo efficace la ruggine bisognerebbe ricorrere a procedimenti con prodotti speciali che adoperano i marmisti in procedure poco pratiche da replicare in casa, tuttavia potrebbe provare alcuni prodotti che pare funzionino egregiamente senza opacizzare o intaccare la superficie in pietra. Questi alcuni prodotti simili tra loro facili da usare, magari dovrà ripetere il trattamento più volte per una perfetta riuscita:
      Mellerud; Bellinzoni – RUST REMOVER; Hotrega ; Fila NO RUST.

      Un trattamento che le consiglio solo se le macchie sono estese e particolarmente ostinate è quello fornito in kit da BMC, più complesso e simile a quello impiegato dai marmisti, quindi più professionale.
      Mi faccia sapere dei risultati ottenuti, grazie.

  1. buongiorno, purtroppo inavvertitamente ho appoggiato una pentola tolta dal fuoco direttamente nel mio lavello in fragranite della FRANKE.
    Non riesco a togliere questa macchia di bruciatura : ho impiegato per rimuoverla i vostri consigli ma purtroppo senza successo….
    Cosa debbo fare? Vi ringrazio anticipatamente e porgo i miei distinti saluti.

  2. Salve Mirella,
    premesso che tra le cose assolutamente da evitare in elenco al primo posto vi è proprio: “Non appoggiate sul lavello pentole appena tolte dal fuoco o altri corpi caldi oltre i 280°C …”, le dico che questo provoca delle bruciature profonde, che come quelle causate da acidi, sono nei casi più gravi impossibili da togliere. Come può vedere sul video la pasta della FRANKE agisce bene su bruciature superficiali, come quelle lasciate da una sigaretta, ad esempio, ma se il lavello ha una bruciatura profonda non produce alcun effetto.
    Il danno al suo lavello è grave? La pentola calda è rimasta per molto tempo sul lavello? Cosa ha utilizzato per provare a rimuovere la macchia? Ha provato la pasta? Se si quante volte ha effettuato la procedura? Mi faccia sapere.

  3. il lavello si macchia anche con la plastica della centrifuga dell’insalata…..assistenza Franke valutazione 0
    1 volta a settimana sciolgo 1 tabs x lavastoviglie in acqua calda e lascio nel lavello tutta la notte al mattino lavo e vado di olio……
    e’ l’unica soluzione

Domande riguardo questo argomento? Formulate la vostra domanda nei commenti, risponderò al vostro quesito in brevissimo tempo.

Protected by Copyscape
Tutte le immagini di questo articolo, se non diversamente specificato, sono tratte da Pinterest.