scegliere-il-colore-delle-pareti

Scegliere il colore giusto per le pareti.

Non appena entrati nella vostra nuova casa vorrete sin da subito farla vostra inserendo dettagli e particolari di vostro gusto. La tinteggiatura delle pareti è la prima cosa che vi verrà in mente per personalizzare la vostra abitazione, ma potrà capitarvi di essere indecisi nello scegliere il colore giusto per le pareti, se non addirittura confusi o paurosi di prendere decisioni errate. 

Per evitare spiacevoli sorprese seguite questi consigli per scegliere il colore giusto per le pareti di ogni ambiente della vostra casa.

scegliere-il-colore-delle-paretiIndipendentemente dalle vostre preferenze, vi consiglio di definire prima un progetto cromatico con cui coordinare tutti gli elementi che completano l’arredamento. Questo è importante per evitare colorazioni eccessive o accostamenti poco azzeccati.

Per scegliere il colore giusto per le pareti non vi sono regole precise e l’unica certezza è quella d’intonarle al colore degli arredi  e dei complementi che possedete o che vorrete comprare.

Per dipingere le pareti di casa possono adottarsi sostanzialmente due soluzioni:

Tinte monocromatiche, in questo caso sceglierete poi accessori colorati armonizzati in una scala cromatica ben definita, ad esempio, potrete dipingere le pareti nei toni del color sabbia e inserire tappeti, tappezzerie e oggettistica che contengano le gradazioni del rosso, oppure dell’arancio e del verde. Vi consiglio di non superare l’accostamento di tre colori e variare piuttosto nei toni. L’uso di pochi colori in armonia tra loro è sempre garanzia di successo.

color test 005

Un’altra possibilità è la policromia delle pareti. Si tratta di scegliere almeno due colori per le pareti di modo che il colore dei mobili, dei tessuti e dei complementi, creino un bel contrasto con quello delle pareti.

Considerate che la scelta del colore può influire sulla luminosità degli ambienti e di conseguenza questi risulteranno visivamente più o meno spaziosi a secondo della tonalità scelta. In genere i toni più decisi “stancano” più facilmente rispetto quelli più tenui. Tenete anche in debito conto dell’effetto psicologico che i colori hanno sull’uomo: alcune tinte possono essere eccitanti, altre viceversa meno stimolanti possono essere più rilassanti.

Colore bianco.

Un colore capace di compiere miracoli in ambienti piccoli o poco illuminati è il bianco. Questo colore, per la sensazione di pulizia che evoca è solitamente destinato ai soffitti e al bagno, ma lo si può impiegare per far sembrare gli ambienti più luminosi.

Se per i soffitti può essere una scelta obbligata, sulle pareti è molto di moda per realizzare ambienti “total white”, dove pareti, arredamenti, accessori e tappezzerie sono tutti di colore bianco. In questo tipo di ambienti l’effetto di grande fascino può risultare alla lunga monotono, senza contare che il mantenimento delle pareti è complicato visto che tenderebbero a sporcarsi facilmente.

Il colore bianco si abbina bene con tutti i colori, quindi se temete che accostamenti di tinte inconsuete non fanno per voi, usatelo tranquillamente.

Certamente questo colore è da impiegare se la casa è piccola o poco illuminata dal sole.

Se volete ottenere il massimo della luminosità di un ambiente magari angusto e poco illuminato, scegliete delle tonalità chiare e luminose, come alcuni toni delicati di giallo vaniglia e di dipingere di bianco una sola parete per “illuminare” l’ambiente.

Toni neutri.

I colori neutri prevedono una gamma estesa di toni poco saturi di colore e comprendono, oltre il bianco, il nero e i grigi, tutte quelle tinte che pur essendo “colorate” risultano tenui come il beige e l’avorio.

Queste tinte sono facili da abbinare ad altre. La scelta di questi colori è obbligata quando gli arredi puntano sui colori del legno lasciato naturale e dei tessuti grezzi.

Risultano sempre molto attuali perché stancano meno, ma come il bianco possono rendere l’ambiente monotono, per cui è utile inserire dei dettagli dalle tinte “emozionali” come i rossi o i verdi.

color test 006

Tonalità calde: giallo, arancio e rosso.

I toni caldi dal giallo al rosso compreso le tonalità dell’arancio, sono colori che conferiscono luminosità all’ambiente ed infondono “energia” stimolando la convivialità e l’appetito, quindi vanno bene per la cucina, la zona pranzo e il soggiorno. In particolare le tonalità del giallo rendono l’ambiente cucina più accogliente conferendogli un senso di calore e di intimità. Le intonazioni più fredde o acide di questo colore vanno bene nelle cucine moderne con ante laccate bianche o in rovere scuro, mentre le tonalità più calde fino all’ocra sono più adatte ad ambienti cucina classici o rustici.

color test 007

color test 003

color test 009

I colori come il rosso e l’arancione sono ideali per imbiancare le pareti di un soggiorno sia classico che moderno, perfetti per sdrammatizzare arredamenti moderni in essenza scura. L’utilizzo di queste tinte è da preferire nei toni smorzati e meno squillanti. Raccomandate solo se la stanza è molto grande e ben illuminata da ampie vetrate, diversamente per non rimpicciolire visivamente la stanza, è meglio usare tinte chiare per la maggior parte delle pareti e usare la parete “colorata” per fare risaltare un particolare.

color test 004

Ambienti giorno interessanti si ottengono usando per le pareti un giallo di gradazione chiara e un verde chiaro o un color corda, impiegando complementi d’arredo nelle svariate tonalità di verde e arancione.

Tonalità fredde: verde, blu e viola.

Le tinte fredde del blu, del viola e del verde, soprattutto nei toni più scuri, conferiscono agli ambienti un aspetto rilassante e benché meno luminosi, suggeriscono spazi più ampi. Queste sono le tinte ideali per la zona notte soprattutto se con pavimenti e mobili chiari. Se invece i vostri mobili sono in legno scuro, le tonalità neutre dal bianco al beige fino al grigio, vanno benissimo per le pareti. Volendo si può utilizzare una tinta più forte per la parete della testiera del letto, come accento tonale in accordo con gli accessori che completeranno l’arredamento.

color test 002

color test 001

Per il bagno preferite i colori della natura, della terra: dal marrone al beige, all’ocra fino al verde. Non dimenticate in questo ambiente di mettere anche qualche pianta per purificare l’ambiente.

Tinte shocking e fluo.

Alcune tinte particolari come dei toni di rosa particolarmente accesi, il lilla e il fucsia, ma anche alcuni gialli e verdi dall’aspetto fluorescente, danno agli ambienti un tocco estremamente personale, ma vanno usati accostandoli con estrema perizia e se non si è assolutamente certi di ciò che si sta facendo è meglio evitarli.

scegliere-il-colore-delle-paretiPur essendo valide le considerazioni sull’influenza dei colori sulla psicologia dell’uomo, per  scegliere il colore giusto per le pareti tenete conto della vostra personalità e rammentate che in generale l’uso dei colori vivaci e delle tinte calde è raccomandato solo negli ambienti giorno, mentre tinte più tenui e smorzate dai toni freddi vanno meglio per gli ambienti della zona notte.

Comunque sia la scelta dei colori per le pareti non può essere separata dal progetto colore dell’intero ambiente nel quale bisogna includere oltre agli arredi tutti quegli elementi che lo completeranno. I colori devono essere ben coordinati per avere degli interni veramente chic. Partendo dai particolari come le cornici di quadri e stampe appese alle pareti, ai tessili come lenzuola, copriletti o semplicemente il plaid per il divano, o ancora dalle tovaglie e i piatti da mettere a tavola nelle diverse occasioni, tenere presente il progetto cromatico torna utile per compiere gli acquisti giusti di tutto quello che vi occorrerà per completare il vostro arredamento perfetto.

Scegliere le pitture ed eseguire la tinteggiatura.

Una volta che avrete un idea chiara del vostro progetto cromatico, dovrete incaricare una ditta di fiducia per imbiancare casa o se siete capaci nelle attività manuali, organizzarvi per dipingere voi stessi le pareti di casa.

Per bagno e cucina è importante utilizzare delle idropitture traspiranti ideali per gli ambienti umidi. Se in casa avete problemi di condensa causata da pareti esposte alle intemperie o poco protette all’esterno, scegliete una idropittura isolante, un ottima scelta se desiderate un migliore isolamento sia termico che acustico.

Per combattere l’inquinamento domestico, le recenti tecnologie hanno reso possibile la messa a punto di pitture fotocatalitiche ad azione anti-inquinamento. Vi consiglio questo tipo di pittura murale per avere ambienti domestici più salubri.

 

 

Letture Consigliate:

          

[/panel]

 

 

 

3 commenti su “Scegliere il colore giusto per le pareti.

Domande riguardo questo argomento? Formulate la vostra domanda nei commenti, risponderò al vostro quesito in brevissimo tempo.

Protected by Copyscape
Tutte le immagini di questo articolo, se non diversamente specificato, sono tratte da Pinterest.