Scegliere la lavastoviglie.

Scegliere la lavastoviglie.
5 (100%) 1 vote

scegliere-la-lavastoviglie-001

Se pensate che lavare ogni giorno piatti e bicchieri sia noioso e quando sono tanti anche molto faticoso, è giunto il momento di scegliere la lavastoviglie che vi serve.

Oggi, con la vita sempre più frenetica, la lavastoviglie è divenuta una comodità irrinunciabile. In una cucina moderna e funzionale questo elettrodomestico non può certo mancare!

Innegabili sono i vantaggi ottenibili da questo elettrodomestico di utilità indiscussa, non solo quando si devono lavare i piatti di grandi banchetti con amici, ma anche nell’uso quotidiano e il tempo risparmiato piuttosto che lavare i piatti lo potrete usare per voi e la vostra famiglia.

Come scegliere la lavastoviglie ideale?

scegliere-la-lavastoviglie-colonnaEsistono svariati modelli di lavastoviglie: da incasso o free-standing, da quelli capaci di lavare da 12 a 15 coperti fino a modelli più piccoli e compatti che lavano da 4 a 6 coperti ideali per l’esigenze di una persona sola.

Le lavastoviglie ad incasso sono preferite per non confliggere con l’estetica della cucina e sono generalmente prodotte con larghezze standard di 60 e 45 cm, ma ne esistono alcune da 55 cm idonee per essere alloggiate in colonna. Di lavastoviglie a libera installazione, invece, ne esistono di piccolissime da appoggiare sul piano, utili per spazi minimi.

A prescindere dalla vostra scelta, ricordate che nessuna lavastoviglie vi darà risultati soddisfacenti se non la utilizzate correttamente, vi consiglio di leggere con attenzione il libretto d’uso e manutenzione che accompagna il vostro apparecchio e di leggere il mio articolo sul corretto uso della lavastoviglie.

Per le lavastoviglie gli standard qualitativi e di efficienza sono molto rigidi tanto che le classificazioni di efficienza sono di tre tipi: energetica, lavaggio e asciugatura. Optate per lavastoviglie almeno di classe AAA (efficienza energetica, lavaggio e asciugatura).

 

La lavastoviglie riduce dell’80% il consumo d’acqua rispetto al lavaggio manuale e se avete una caldaia a metano prendete in considerazione un modello con attacchi all’adduzione di acqua calda per un ulteriore risparmio energetico.

Visto che per risparmiare è preferibile usare la lavastoviglie nelle ore notturne, prestate attenzione al livello di rumorosità indicato in decibel (Db) sull’etichetta energetica.

Quali programmi di lavaggio?

Tutti i modelli di lavastoviglie offrono la possibilità di scegliere tra diversi programmi di lavaggio che si differenziano per la temperatura e per la quantità dell’acqua di lavaggio, oltre che per il tempo di funzionamento.

uso-corretto-della-lavastoviglie-012

La prima fase, quella del prelavaggio, è eseguita a caldo o a freddo e serve ad eliminare i residui di cibo dalle stoviglie. Poi vi sono i programmi di lavaggio. Quelli fondamentali sono due: ciclo normale a 65°C e ciclo a risparmio energetico a 50°C.

A seconda del modello di lavastoviglie vi sono vari programmi stabiliti in base al tipo di carico o per esigenze specifiche come: il ciclo a mezzo carico, da impiegare se la lavastoviglie non è piena; il ciclo delicato per lavare a 40° le stoviglie fragili e le porcellane; ciclo intensivo che lava a 75°C, utile solo per lo sporco secco e resistente.

Nelle fasi finali di tutti i programmi di lavaggio, per eliminare completamente i residui di detergente, avviene la fase di risciacquo dove, grazie all’azione combinata del brillantante e del sale, viene impedito alle gocce d’acqua di depositarsi sulle stoviglie restituendo un pulito brillante.

Dopo il risciacquo l’ultima fase è quella dell’asciugatura, anche questa eseguibile a richiesta: si può scegliere un ciclo di asciugatura per asciugare velocemente le stoviglie, oppure lasciarle asciugare utilizzando il calore residuo del lavaggio, cosa per altro consigliata.

Alcuni modelli dispongono di un sistema di asciugatura a zeolite, un minerale che assorbe l’umidita e permette di asciugare i piatti senza consumare energia elettrica.

Vi consiglio di scegliere una lavastoviglie di capienza adatta alle vostre necessità e che disponga almeno di un programma ecologico. Per sapere come utilizzare la vostra lavastoviglie risparmiando leggete questo articolo!

Requisiti di sicurezza.

La lavastoviglie, essendo un elettrodomestico che utilizza acqua è bene che sia installata in modo conforme agli standard di sicurezza e dotata di particolari dispositivi che prevengano possibili rischi di folgorazioni dovuti all’utilizzo simultaneo di acqua ed energia elettrica.

Tali dotazioni di sicurezza devono essere predisposti dal fabbricante per impedire surriscaldamenti, trabocchi o perdite e devono essere indicati sulla scheda tecnica del prodotto.

  • Acqua-stop. Il dispositivo elettrico o meccanico di anti-allagamento, da molti chiamato acqua-stop è considerato un requisito minimo di sicurezza. Questo dispositivo in caso di perdite o anomalie blocca il flusso dell’acqua attraverso una valvola di sicurezza, mentre l’acqua fuoriuscita prima dell’entrata in funzione del dispositivo viene convogliata in una vasca di raccolta supplementare.
  • Anti-surriscaldamento. Questo è un dispositivo controllato da un termostato che rileva se la temperatura della vasca risulta troppo alta, ed eventualmente interrompe il funzionamento dell’apparecchio azionando automaticamente la pompa di scarico.
  • Anti-trabocco. Questo dispositivo controlla il livello dell’acqua nella vasca e se viene superato un determinato limite, blocca la valvola di carico e aziona la pompa di scarico.

 

Precauzioni e norme per l’istallazione della lavastoviglie.

  • La presa che alimenta l’elettrodomestico deve attacco schuko accessibile e collocata non troppo vicina al punto di adduzione dell’acqua di carico o al punto di scarico. Questa, come tutti gli elettrodomestici che adoperano acqua, deve essere posta sotto il comando di interruttore bipolare  preferibilmente con spia luminosa;
  • l’adduzione deve essere posta in posizione facilmente accessibile e corredata di rubinetto a sfera;
  • lo scarico deve essere collocato in posizione ben visibile (di solito è preferito lo scarico a due vie sotto il lavello della cucina).

Sulla lavastoviglie:

Tutte le immagini presenti in questo post, se non diversamente specificato, provengono dai siti pixabay.com e unsplash.comoppure si tratta di immagini prelevate da Pinterest. Nel caso in cui la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, comunicatelo ed essi saranno immediatamente rimossi.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: