Scegliere il lavello ideale per la cucina.

Scegliere-il-lavello-ideale-per-la-cucinaParte essenziale della postazione di lavaggio, il lavello è una degli elementi più utilizzati in cucina, ragione per cui è importante che la sua scelta risponda esattamente alle vostre abitudini.

Premesso che non esiste quello perfetto, con le mie indicazioni potrete farvi un idea su qual’è il lavello ideale per le vostre esigenze.

Che materiale?

Una delle discriminanti più importanti per preferire un particolare lavello rispetto ad un altro è certamente il materiale con il quale esso è realizzato. Da esso dipendono aspetti, non solo estetici, ma anche quelli legati a la sua usabilità.

Di seguito trovate elencati quelli realizzati nei materiali più conosciuti e diffusi, scegliete quello più consono al vostro modo di operare in cucina valutando attentamente pro e contro.

Lavelli in acciaio inox.

Consigliati sotto il punto di vista estetico per cucine in stile industriale o hi-tech, dove possono essere integrati ad un top dello stesso materiale, i lavelli in acciaio inox esistono in diverse finiture da quelle lucide, a quelle satinate, spazzolate, variamente texturizzate  e antigraffio.

lavello-ideale-accaio

L’acciaio, materiale riciclabile, risulta molto resistente e dal punto di vista igienico costituisce la soluzione migliore in assoluto, ma bisogna tenerlo sempre ben pulito e asciugarlo alla perfezione perché gli antiestetici aloni causati dai residui calcarei dell’acqua, non si vedano.

PRO
  • Molto resistenti all’uso e al calore;
  • estremamente igienici;
  • durata praticamente eterna.
CONTRO
  • Le finiture a specchio specialmente sono molto delicate e poco resistenti alle impronte e ai graffi;
  • il calcare contenuto nell’acqua li macchia se non asciugati perfettamente e quindi la loro pulizia può risultare laboriosa;
  • le sostanze corrosive contenuti nei liquidi per sgorgare gli scarichi possono ossidarlo.

Come si puliscono? Allo stesso modo dei top in acciaio.


Lavelli in Fragranite e similari.

I lavelli in Fragranite e materiali simili sono la tipologia più diffusa in quanto rappresentano un’ottima alternativa al lavello di acciaio inox, il loro aspetto piacevole meno freddo dell’acciaio e la disponibilità di forme e colori estesa ha decretato negli anni il loro crescente successo.

lavello-ideale-fragranite

La loro pulizia sarebbe più semplice se col tempo abrasioni, micrograffi e accumuli di calcare non trattenessero sulle loro superfici lo sporco, rendendone difficoltosa la rimozione di macchie e aloni, ma se vi piace il loro aspetto non abbiate timori, basta sapere come trattarli e mantenerli sempre efficienti.

PRO
  • Disponibili in moltissime forme e colori;
  • grande resistenza a shock termici.
CONTRO
  • Possono diventare porosi a causa dell’accumulo di calcare e macchiarsi;
  • nei lavelli di colorazione scura le macchie di calcare possono verificarsi in modo evidente;
  • la loro pulizia non è così facile da effettuare.

Come si puliscono? Leggi il mio articolo a riguardo.


Lavelli in pietra naturale o graniti.

lavello-ideale-pietraSi tratta di lavelli di alto valore estetico grazie al materiale naturale e pregiato, ma sono più delicati e necessitano di manutenzione periodica. Possono essere realizzati con lastre incollate oppure scavando dei blocchi lapidei interi. Resistono bene agli urti, ma essendo porosi, assorbono le sostanze con cui entrano a contatto tanto che è bene periodicamente impermeabilizzarli per renderli idro-repellenti.

PRO
  • Impatto estetico ineguagliabile;
  • possibilità di essere integrati al piano di lavoro realizzato nello stesso materiale.
CONTRO
  • Costo elevato;
  • difficoltà nella pulizia e nella manutenzione.

Come si puliscono? Stesse cure dei top in pietra!


 

Lavelli in Corian®.

lavello-ideale-corianSotto il profilo estetico rappresentano una delle migliori soluzioni visto che si integrano perfettamente ai top realizzati nello stesso materiale che tra l’altro è disponibile in una vasta gamma di colori.

Garantiscono una perfetta igiene e risultano abbastanza semplici da pulire, ma sostanze alimentari coloranti come lo zafferano e il calore elevato sono nemici giurati.

PRO
  • Integrabile in maniera perfetta e continua al piano;
  • grande disponibilità di colorazioni;
  • igienicità elevata;
  • facile da riparare e pulire.
CONTRO
  • Scarsa resistenza alle alte temperature

Come si puliscono? Come il piano in Corian®.


Quante vasche?

Quanto grande? … Il gocciolatoio, si o no?

A seconda delle vostre necessità potrete scegliere un lavello a vasca unica o doppia, grande o piccolo, con o senza gocciolatoio.

Il lavello mono-vasca ruba poco spazio però è comodo solamente se la vasca è grande da stare in una base da 50 – 60 cm almeno. Il lavello a due vasche è pratico perché consente di eseguire due operazioni di lavaggio contemporaneamente, ma sono adatti a chi dispone di una cucina con una buona quantità di piano di lavoro. Alternativi a seconda di spazi e necessità sono i modelli ad una vasca e mezza.

Consigliato, anche per risparmiare un po’ di spazio, quello ad una vasca e gocciolatoio se si vuole installare una lavastoviglie. Il gocciolatoio è un opzione che risulta utile in questo caso poiché consente un appoggio per il lavaggio di oggetti grandi che non possono entrare in lavastoviglie, oltre che a permetterne lo sgocciolamento.

Se non è prevista la lavastoviglie nella zona lavaggio è preferibile che il lavello disponga di due vasche (una per il lavaggio e l’altra per il risciacquo) piuttosto che un lavello mono-vasca di grandi dimensioni, che risulta scomodo per il lavaggio manuale di piatti e bicchieri.

La profondità delle vasche, a seconda dei modelli, può variare dai 15 ai 30 cm. Tenete conto che una buona profondità riduce gli spruzzi e permette di lavare agevolmente oggetti di grande dimensione.


Integrazione con il top.

A seconda del tipo d’inserimento nel top esistono diverse tipologie di lavelli scegliete quello che esteticamente meglio si accorda con la vostra cucina, ma tenete conto che le soluzioni tecnicamente più semplici sono le più affidabili.

Le tipologie meno adoperate sono il lavello ad appoggio, generalmente in acciaio e poggiato direttamente sulla base sottolavello, ed il lavello ad accosto, dei monoblocco in pietra o agglomerati di quarzo montati su cavalletti in acciaio o legno, accostati appunto alle basi cucina. Quelle più adoperate sono senza dubbio i lavelli ad incasso nelle diverse opzioni d’istallazione:

Lavello ad incasso sopra-top

lavello incasso sopra-top

Lavello ad incasso filo-top

lavello-ideale-filo-top

Lavello ad incasso sotto-top

lavello-ideale-sotto-top


Accessori.

Non abbiamo ancora finito, le vasche possono essere corredate da utili accessori come taglieri e colatoi rimovibili ecc… ma indispensabile per poter utilizzare il lavello è un rubinetto. Questo è disponibile in diversi tipi e forme, ma il migliore è quello con canna alta in misura sufficiente a non ostacolare il lavaggio di stoviglie ingombranti e con leva che aziona il miscelatore lunga abbastanza per cui sia semplice da azionare anche con le mani impegnate.

I rubinetti con doccetta estraibile, oggi tanto richiesti, in realtà sono consigliabili solo per lavelli con vasche grandi e profonde.

Nel sotto-lavello possono integrarsi accessori utili come dei cestelli per la raccolta differenziata differenziata, o piccoli accessori elettrici come un trita-rifiuti da montare nello scarico, o un sistema di filtraggio per l’acqua potabile.

 

3 commenti su “Scegliere il lavello ideale per la cucina.

  1. Nel ’94 avevamo scelto un lavello della Blanco in silgranit di colore nero, con 2 vasche, di cui una più piccola, per fare posto a una pratica tramoggia con coperchio, collegata al proprio contenitore, posto nello spazio sottostante, per la raccolta rifiuti. Con il tempo la base della vasca più grande è diventata più porosa e ha perso anche il colore originale. Con il desiderio di sostituire tale lavello con uno nuovo di medesima fattura, abbiamo cercato se fosse ancora in commercio, ma purtroppo dal loro catalogo in sito non l’abbiamo più trovato. Esiste un tipo simile, con le stesse dimensioni, ma senza la tramoggia, che noi troviamo veramente comoda e non riusciamo a capire perché tale accessorio sia stato abbandonato. Mi saprebbe dire se esista, eventualmente di altra marca altrettanto valida, che abbia le caratteristiche che cerchiamo? Grazie!

  2. La ringrazio della risposta. Ho dato un’occhiata e mi pare che questa azienda abbia una produzione interessante e variegata. Peccato che non ne abbia in composito. Grazie!

Domande riguardo questo argomento? Formulate la vostra domanda nei commenti, risponderò al vostro quesito in brevissimo tempo.

Protected by Copyscape
Tutte le immagini di questo articolo, se non diversamente specificato, sono tratte da Pinterest.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: