Sedia Cesca di Marcel Breuer.

Sedia Cesca di Marcel Breuer.
5 (100%) 1 vote

La sedia Cesca è una delle sedie più note della storia del design. Un progetto del 1928 dell’architetto e designer ungherese Marcel Breuer (1902 – 1981). Il frutto di una serie di elaborazioni della sedia dell’architetto olandese Mart Stam (1899 – 1986), sul quale fu applicato il concetto di sedia a sbalzo.

Sedia Cesca (1928)

sedia-Cesca
Due modelli della sedia Cesca sono conservati ancora oggi al Moma di New York.
  • Produttore: Knoll.
  • Design: Marcel Breuer.
  • Dimensioni: 56 x 58 x 80 cm con braccioli; 46 x 58 x 80 cm senza braccioli
  • Peso: circa 15 Kg

E’ una sedia di design per un’arredo classico e senza tempo. Nonostante l’età del progetto, si presenta di raffinata modernità cosa che la rende adatta per arredare con discrezione case e uffici indipendentemente dal loro stile d’arredamento.

A dire il vero, l’architetto tedesco Ludwig Mies van der Rohe (1886 – 1969), aveva già realizzato una sedia senza le gambe posteriori: il modello MR 10, esposta, insieme alla sedia di Stam,  all’esposizione del Werkbund Die Wohnung per la Weissenhof di Stoccarda del 1927. Breuer, per la sua sedia si ispirò certamente ad esse, anche se aveva già anticipato il concetto di sedia a sbalzo nello sgabello ad “U” ideato nel 1925 per la mensa del Bauhaus. L’ideazione della sedia a sbalzo è comunque da attribuirsi a Mart Stam, così come stabilito dalla corte tedesca che gli assegnò la paternità dopo una causa legale durata diversi anni.

L’ innovativa struttura a sbalzo, denominata “cantilever”, della sedia Cesca è realizzata curvando un tubolare d’acciaio; una vera novità per l’epoca! Il progetto di Breuer estende e proietta nel futuro le famose sedie di Thonet: al telaio in tubolare d’acciaio sono fissati la seduta e lo schienale realizzati con profili di faggio laccati di nero, o lasciati naturali, dove sono montati degli inserti in paglia di Vienna.

In questa sedia di grande comfort, tradizione artigianale, metodi industriali e materiali innovativi, si fondono alla perfezione. Il risultato è stupefacente: il metallo, il cui impiego per gli arredi in quegli anni era impensabile, è impreziosito con l’antica tecnica dell’impagliatura. 

 

Produzione e disponibilità.

Disponibile nelle versioni con o senza braccioli, la sedia di Breuer entrò in produzione nel 1929 negli stabilimenti Thonet in Germania dove è prodotta ancora oggi col nome di S 32 ed S 64 (con braccioli e senza) e di cui sono disponibili delle varianti con rete in tessuto sintetico nero, componenti in noce trattato ad olio.

Un altra versione prevede seduta e schienale imbottiti e rivestiti in pelle o in tessuto.

 

sedia-cesca

Sembra che la sedia Cesca non sia mai stata brevettata e che i disegni fossero di dominio pubblico, sebbene Breuer firmò un contratto con Knoll, nota azienda americana leader nell’arredamento di design internazionale.

sedia-cesca

La Knoll nel 1959 cominciò una produzione di questa sedia, attualmente in catalogo e denominata sedia Cesca. La sedia prodotta da Knoll, riporta la firma di Marcel Breuer e il logo Knoll impressi sulla base di ogni sedia.


In vendita su Amazon.

Tutte le immagini di questo articolo, se non diversamente specificato, sono tratte da Pinterest.

Usate i commenti per i vostri dubbi e le vostre domande riguardo questo articolo.

Non dimenticate di condividerlo con i vostri amici.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.