Sedia Master

Sedia Master
5 (100%) 1 vote

sedia-masterLa sedia Masters è stata disegnata da Philippe Starck ed Eugeni Quitllet nel 2010 per l’azienda italiana Kartell. I due designers per questa seduta hanno voluto rendere omaggio a tre icone del design internazionale: la Serie 7 di Arne Jacobsen, la Tulip Armchair di Eero Saarinen e la Eiffel Chair di Charles Eames. Infatti le tre inconfondibili silhouette in questa sedia si intrecciano in una fusione stilistica accattivante.

Sedia Master (2010)

 

  • Produttore: Kartell.
  • Design: Eugeni Quitllet e Philippe Starck.
  • Dimensioni: 57 x 47 x 84 cm

Complemento ideale per il tavolo da pranzo, la sedia è commercializzata in confezione da 2 pezzi di identico colore. Le sue dimensioni sono contenute e la possibilità di essere impilata riduce l’ingombro per l’immagazzinamento anche in piccoli ripostigli.

Si tratta di una delle sedie più riconoscibili della produzione Kartell. Oltre alla sedia Louis Ghost, la sedia Masters è certamente quella che si può definire a pieno titolo l’icona del produttore italiano.

La sedia Master, premiata con il “Good Design Award 2010” del Chicago Athenaeum Museum of Architecture and Design, presenta una seduta ampia e comoda sorretta da quattro gambe sottili, ma la vera particolarità della sedia Master è lo schienale, dove l’alternanza di pieni e di vuoti è il risultato grafico dell’incrocio dei profili delle tre diverse spalliere delle sedute a cui si sono ispirati i due designers.

Colori e combinazioni possibili.

Facile da spostare, la sedia Masters è estremamente leggera, grazie al materiale impiegato per la sua realizzazione. Il polipropilene colorato in massa, usato per lo stampaggio di questa sedia, è un materiale idoneo anche per l’impiego in ambienti esterni.

I colori disponibili sono tantissimi, alcune finiture metallizzate, impreziosiscono questo oggetto di raffinato design.


In vendita su Amazon.

Tutte le immagini di questo articolo, se non diversamente specificato, sono tratte da Pinterest.

Usate i commenti per i vostri dubbi e le vostre domande riguardo questo articolo.

Non dimenticate di condividerlo con i vostri amici.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.