Lo Stile Internazionale (dal 1920 al 1950).

stile-internazionale

Tra gli anni Venti e gli anni Trenta in Europa un nuovo linguaggio formale, già preannunciato nell’opera dell’architetto Adolf Loos (1870 – 1933) e dall’attività del gruppo De Stijl e della scuola del Bauhaus, raggiunse il suo apice e una sua forma d’espressione definita Stile Internazionale i cui principi estetici e tecnici e le nuove …

Continua a leggere …Lo Stile Internazionale (dal 1920 al 1950).

Il Bauhaus e i mobili di design.

bauhaus

Fino agli inizi del XIX la produzione dei mobili era ancora artigianale, ma con la diffusione delle prime macchine a vapore comincio la produzione meccanizzata degli arredi. Seghe e grandi presse per la stampa di motivi decorativi su legno, ridussero il ruolo dell’artigiano alla sola esecuzione di specifiche lavorazioni nella catena di produzione: dalla tornitura, …

Continua a leggere …Il Bauhaus e i mobili di design.

Lo stile Art Decò (1914 – 1930).

art-decò

Il gusto estetico che si diffuse in Europa e negli Stati Uniti tra gli anni venti e gli anni trenta del Novecento nacque dal desiderio di lasciarsi alle spalle gli orrori del primo conflitto mondiale della storia. La parola d’ordine di quello che fu definito stile Art Déco fu modernità. Automobili, aerei, grattacieli, transatlantici, erano …

Continua a leggere …Lo stile Art Decò (1914 – 1930).

Arredamento stile Liberty. (dal 1895 al 1914)

stile-liberty

Nel periodo ovattato della “Belle Époque”, di eleganti signore con delicati ombrellini bianchi e uomini a passeggio con bastone e cilindro, si fece strada una rinnovata fiducia verso il prodotto artigianale. In contrasto con la produzione di mobili in stile eclettico, ormai divenuti produzioni di massa di dubbio gusto, i mobili sono adesso funzionali e …

Continua a leggere …Arredamento stile Liberty. (dal 1895 al 1914)

Il Manierismo (dal 1520-30 al 1630).

manierismo

Della produzione mobiliera del Manierismo colpiscono l’infinita varietà di materiali pregiati impiegati per la realizzazione di un singolo manufatto e la ridondante decorazione scultorea dalle forme antropomorfe. In una tendenza ad ornare la mobilia con decori affollati, armadi, letti e cassoni presentavano figure di mascheroni, arpie, cariatidi. Con il Manierismo si prediligono forme inusuali, gli …

Continua a leggere …Il Manierismo (dal 1520-30 al 1630).

Serie 7 modello 3107 di A. Jacobsen.

sedia-modello-3107

Best seller della casa danese Fritz Hansen, la sedia modello 3107, disegnata da Arne Jacobsen nel 1955, è divenuta nel tempo anch’essa uno degli oggetti più noti della storia del design. Vera e propria icona del design nordico, questa sedia deve la sua fama alla forma organica ed ergonomica della seduta, ottenuta grazie al perfezionamento …

Continua a leggere …Serie 7 modello 3107 di A. Jacobsen.

Eames Plastic Chair.

La sedia Eames Plastic Chair nasce da un’attenta ricerca formale ad opera della coppia di designer americani Charles e Ray Eames. Compagni nel lavoro e nella vita, i due per anni cercarono la forma ideale di un guscio che potesse accogliere in modo ottimale il corpo umano, fino a quando nel 1950 realizzarono quello che …

Continua a leggere …Eames Plastic Chair.

Sedia Wishbone di H. J. Wegner

La sedia CH24, meglio conosciuta come sedia Wishbone per lo schienale dalla forma caratteristica, è tra le più celebri sedie da pranzo in legno, un classico del design scandinavo. Realizzata in legni, tra cui il frassino, il faggio e il ciliegio, provenienti principalmente dalle foreste danesi gestite secondo principi di sostenibilità, la sedia si distingue …

Continua a leggere …Sedia Wishbone di H. J. Wegner

Sedia Cesca di Marcel Breuer.

La sedia Cesca è una delle sedie più note della storia del design. Un progetto del 1928 dell’architetto e designer ungherese Marcel Breuer (1902 – 1981). Il frutto di una serie di elaborazioni della sedia dell’architetto olandese Mart Stam (1899 – 1986), sul quale fu applicato il concetto di sedia a sbalzo. La Knoll nel 1959 …

Continua a leggere …Sedia Cesca di Marcel Breuer.

Mobili in stile eclettico.

Peculiarità principale della produzione dei mobili in stile eclettico, florida in tutta Europa dalla metà alla fine dell’Ottocento, fu il gusto per il “revival”. L’epoca delle grandi esposizioni. Nello stile eclettico erano combinati tra loro, spesso in modo incoerente, stili e riferimenti epocali diversi. L’aglosassone stile nazionale Gothic Revival fu precursore dei mobili eclettici che …

Continua a leggere …Mobili in stile eclettico.

Mobili Stile Impero.

Nel primo quarto del secolo XIX, protagonista assoluto della scena politica Europea fu il generale Napoleone Bonaparte (1769 – 1821), il quale molto fece per incrementare le attività artistiche riconoscendo in esse la possibilità di veicolare la propria fortuna politica. Un imponente programma di commissioni pubbliche, che tra l’altro favorì la ripresa delle attività artigianali, vide …

Continua a leggere …Mobili Stile Impero.

Stile Biedermeier e l’arredamento di primo Ottocento.

Dopo la sconfitta di Napoleone I, il Congresso di Vienna del 1815 pose fine ad una lunga guerra. Le nuovi classi borghesi emergenti esigevano il ritorno ad una vita più tranquilla e la produzione mobiliera, ormai avviatasi verso un processo di modernizzazione, era in grado di soddisfare le richieste delle nuove classi agiate. A Vienna …

Continua a leggere …Stile Biedermeier e l’arredamento di primo Ottocento.

Storia del Mobile Neoclassico.

Il decorativismo e le linee curve dello Stile Rococò tramontarono con la nuova corrente estetica del Neoclassicismo, nata in opposizione critica agli eccessi del barocco e al suo “cattivo gusto”. Il pensiero filosofico di Jean-Jacques Rousseau ( 1712 – 1778), il quale predicava il ritorno alla razionalità, alla purezza e alla bellezza dell’arte dell’antichità classica, favorì, nell’arredamento …

Continua a leggere …Storia del Mobile Neoclassico.

Il mobile inglese nel Settecento.

Contrariamente a quanto visto per il Regno di Francia, in Inghilterra la storia del mobile e delle arti applicate in generale non è classificabile assimilandola ai sovrani che si sono succeduti al trono. Per quanto riguardo il mobile inglese del XVIII, in particolare, si usa citare alcuni artisti che contribuirono alla diffusione dell’ebanisteria oltremanica. Diffusione che …

Continua a leggere …Il mobile inglese nel Settecento.

Lo stile Rococò e il Barocchetto italiano.

Lo stile Rococò si sviluppò in Francia nella prima metà del Settecento, epoca del Regno di Luigi XV. La vita di corte divenuta più frivola e spensierata, lontana dalla rigida solennità di un epoca passata, esigeva uno stile più leggero e fantasioso. Non più grandiosità e sfarzo, ma raffinatezza di ornamenti affidati al capriccio, ondulazioni …

Continua a leggere …Lo stile Rococò e il Barocchetto italiano.

Stile Luigi XIV (dal 1643 al 1715).

Con la denominazione Stile Luigi XIV, nell’ambito dei mobili di antiquariato, ci si riferisce alla produzione mobiliera influenzata da uno stile nato alla corte di Francia per celebrare con i suoi fasti la magnificenza del Re Sole. Nascita dello Stile Luigi XIV. A partire dalla seconda metà del Seicento, lo stile dei mobili di corte, abbandonate …

Continua a leggere …Stile Luigi XIV (dal 1643 al 1715).