Quando si arreda casa da zero, sono diversi gli aspetti da considerare. Bisogna decidere lo stile dei vari ambienti e, sulla base delle loro peculiarità funzionali, valutare anche la scelta delle migliori tapparelle possibili.

Non importa che si opti per la richiesta di consigli a un tapparellista provincia Milano o a un professionista in un’altra città: quello che conta è essere consapevoli del fatto che le tapparelle perfette per la cucina sono diverse da quelle adatte al salotto e che il clima della zona in cui si trova la casa può influire sulla scelta del materiale.

Una volta che le tapparelle sono state installate, è molto importante conoscere le dritte per mantenerle nel tempo. Farlo vuol dire, per forza di cose, informarsi su come pulirle al meglio. Se ti stai facendo domande in merito, nelle prossime righe puoi trovare alcune dritte che, speriamo, potranno esserti utili.

L’eliminazione della polvere

Il primo step da considerare quando si parla di come pulire la tapparella è l’eliminazione della polvere. Sono diversi gli strumenti utili in questo frangente. Si può ricorrere alla scopa – ovviamente pulita – ma anche all’aspirapolvere. Attenzione: purtroppo non sempre si riescono a raggiungere con precisione tutti gli angoli. Niente paura! In questi frangenti ci si può aiutare con un pennellino, che aiuta ad arrivare anche negli angoli un po’ più ostici.

Questa operazione deve essere fatta sia per la parte esterna, sia per quella interna. Per completare il tutto, è opportuno procedere con il passaggio di un panno antistatico. In questo modo, si minimizza il rischio che la polvere torni a depositarsi nel breve termine.

Archiviato questo step, è possibile entrare nei dettagli della pulizia delle tapparelle a seconda del materiale. Scopriamo assieme le indicazioni nelle prossime righe dell’articolo!

Come pulire le tapparelle in PVC

La scelta delle tapparelle in PVC è molto frequente tra chi cerca il massimo per quanto riguarda il rapporto qualità-prezzo. Quali sono i migliori consigli per pulirle? Tra le alternative più rapide rientra l’utilizzo di un prezioso alleato delle pulizie domestiche: il mocio. Passarlo – ovviamente dopo averlo pulito adeguatamente – sulle tapparelle può rivelarsi una scelta pratica ed efficace. Quale prodotto utilizzare? Un buon detergente con azione sgrassante va benissimo.

Un’altra soluzione per la pulizia delle tapparelle in PVC prevede il ricorso a una soluzione a base di acqua, sapone di Marsiglia e aceto (un goccio). Il sapone va lasciato agire per una decina di minuti. Una volta trascorso questo lasso di tempo, si può risciacquare.

Come pulire le tapparelle in legno e in metallo

Le tapparelle possono essere anche in legno o in metallo. Come si procede in questi frangenti con la pulizia? Nel primo caso, si può ricorrere senza problemi al detergente che si utilizza per i piatti, contraddistinto da un alto potere sgrassante. Ci si munisce di una spugna, di un secchio e si insapona la tapparella. Dopo qualche minuto, si passa al risciacquo. Se arrivare in alcuni angoli risulta ostico, nessun problema! Per risolvere il problema, si può ricorrere a uno spazzolino da denti.

Cosa fare, invece, per pulire le tapparelle in alluminio, considerate il non plus ultra della sicurezza? In questa circostanza, si può fare riferimento al getto di vapore (che invece non va bene per le tapparelle in legno, in quanto rischia di deteriorare il materiale).

La gestione del getto di vapore è a dir poco semplice: basta direzionarlo sulle tapparelle e far sì che i residui di sporco scorrano. Successivamente, si risciacqua il tutto con un secondo getto.

Questa soluzione per la pulizia, che ha anche il vantaggio di essere super ecologica, ha l’oggettivo pro di risultare efficace contro lo sporco ostinato. Un altro aspetto positivo riguarda la possibilità, nelle situazioni in cui l’abitazione non è collocata in contesto condominiale, di far asciugare tutto all’aria.

Testo di proprietà di Biagio Barraco . Tutti i diritti sono riservati, è espressamente fatto divieto di copiare e incollare integralmente il contenuto di questo post o fare hardlinking. Per quanto riguarda le immagini presenti, se non diversamente specificato, si rende noto che queste provengono dai siti pixabay.com unsplash.comoppure si tratta di immagini prelevate da PinterestNel caso in cui la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, comunicatelo ed essi saranno immediatamente rimossi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.