Una guida per scegliere il forno ad incasso.

Acquistare il forno ad incasso perfetto per il proprio fabbisogno può essere cosa complicata, specie se non si ha idea di quale sia quello che meglio risponde alle proprie abitudini in cucina. Se non volete fare un acquisto di cui potreste pentirvi, vi consiglio di leggere questa guida su come scegliere il forno ad incasso.

Disponibili in diverse tipologie e con tantissime funzioni i forni ad incasso per vani standard di 60 e 90 cm, sono quelli più diffusi perché molti utenti preferiscono integrare questo elettrodomestico nella propria cucina componibile. L’installazione può essere fatta sotto i fuochi, oppure in colonna ad una più comoda “altezza occhi”.

A gas o elettrico?

La prima selezione da compiere riguarda il tipo di alimentazione del forno:

… è meglio un forno a gas, o uno elettrico?

Conosco bene questa questione e so già che tra di voi vi sono estimatori e denigratori dell’uno o dell’altro sistema, se non addirittura vere forme di antipatia. Tuttavia, sia i forni a gas che i forni elettrici, presentano entrambi svantaggi e vantaggi e la scelta giusta dipende dalle vostre preferenze personali e in definitiva dalle vostre abitudini in cucina.

Conoscere pregi e difetti di entrambi i tipi vi aiuterà a scegliere il forno ad incasso ideale.

Una volta disponibili con pochissime funzioni, i forni a gas di vecchia concezione erano in molti casi pericolosi. Oggi questi sono poco utilizzati e la maggior parte dei forni che si trovano in commercio sono alimentati da energia elettrica e dotati di tante funzioni da selezionare a seconda del tipo di pietanza che si vuole preparare.

Forno a Gas – pro e contro.

I forni a gas funzionano grazie ad un bruciatore posizionato generalmente in un una cavità in basso nel forno. Questo trasmette il calore generato, prima per irraggiamento, poi, grazie ai moti convettivi d’aria calda, per convezione. Il bruciatore, subito dopo la sua accensione, eroga il massimo di potenza fino al raggiungimento della temperatura desiderata. Solo allora si attesta su una temperatura minima che verrà mantenuta costante per tutto il tempo della cottura. I frequenti sbalzi di temperatura di tale sistema rendono il forno a gas inadatto per la cottura di particolari pietanze, come biscotti, dolci o pizza.

PRO

  • Utilizzano una risorsa energetica più economica dell’elettricità.
  • La cottura nel forno a gas è più “umida” rispetto a quella negli apparecchi elettrici. Ciò riduce il rischio di far seccare gli alimenti in cottura, per tale motivo sono tra i forni preferiti per la cottura del pane.
scegliere il forno ad incasso

CONTRO

  • Prezzo d’acquisto più costoso.
  • Scelta limitata di modelli e di funzioni disponibili
  • Installazione più complessa che prevede impianti di alimentazione e griglie di evacuazione dei gas incombusti appositamente realizzati.
  • Pericolosità dovuta alla possibilità di fughe di gas. I forni di recente produzione sono dotati per obbligo di legge di un dispositivo che previene gli incidenti da fughe di gas.
  • La cottura richiede la rotazione dei cibi a causa di una distribuzione irregolare del calore.
  • Difficoltà a mantenere costante la temperatura di cottura. I modelli più recenti sono dotati di termostato per ridurre questo problema.

Forno Elettrico, pro e contro.

I forni elettrici sono dotati di due resistenze posizionate in alto e in basso. Nella parte superiore si trova anche un grill utile per dorare i cibi. Si tratta di elementi che possono essere azionati separatamente, o insieme, a seconda del tipo di cottura che si vuole eseguire. Le modalità principali di cottura di un forno elettrico sono sostanzialmente tre: statica, ventilata e con grill. L’utilizzo in modalità statica è adatta per la cottura di piatti tradizionali, ad esempio, gli arrosti. In questa modalità il calore si diffonde per convezione naturale. Alcuni modelli più semplici prevedono questa come unica modalità oltre l’impiego eventuale di un grill.

Forni elettrici ad incasso, tipologie in commercio.

I forni multifunzione sono dotati di una ventola che distribuisce il calore prodotto dalle resistenze. La cottura dei cibi sarà meno aggressiva, particolarmente adatta per gli impasti lievitati e per i dolci.

I forni termo-ventilati si caratterizzano per una terza resistenza circolare posta nella parte posteriore del forno che in combinazione alla ventola, concentrica ad essa, consente di cuocere contemporaneamente diversi tipi di cibi su diversi livelli senza che si mescolino sapori e odori.

A queste modalità di cottura se ne aggiungono tante altre in base al modello. Nel caso occorre valutare, a seconda delle proprie esigenze e necessità, la presenza di determinate funzioni e programmi di cottura. Vi consiglio, per evitare una spesa alta e magari inutile, di scegliere un modello che risponda all’uso reale che ne farete.

PRO

  • Costo di acquisto meno costoso (nei modelli più semplici).
  • Scelta ampia di modelli.
  • Installazione e funzionamento semplice.
  • Distribuzione più uniforme del calore nei modelli ventilati.
  • Mantenimento costante della temperatura.
  • Disponibilità di maggiori funzioni di cottura e di tecnologie all’avanguardia.

CONTRO

  • Maggiore costo energetico.
  • La ricchezza di funzioni può disorientare l’utente meno esperto.
  • Non tutte le funzioni risultano veramente utili.
scegliere il forno ad incasso

Considerazioni sull’alimentazione dei forni ad incasso.

Dal punto di vista economico l’alimentazione a gas risulta più conveniente rispetto a quella elettrica, ma i forni a gas hanno prezzi un po’ più alti rispetto a quelli elettrici a causa del loro maggiore costo di produzione. Probabilmente questo è il motivo per cui si privilegia la costruzione di forni ad incasso ad alimentazione elettrica.

Nonostante i vantaggi energetici, è preferibile per motivi pratici acquistare un forno elettrico, più semplice da istallare e da usare rispetto quello a gas, senza contare le moltissime funzioni e opzioni di cottura di cui i forni elettrici sono dotati.

Solo se prevedete un uso intenso può essere economicamente vantaggioso acquistare un forno a gas. In tal caso, per la vostra sicurezza, prendete in considerazione l’acquisto di un dispositivo per rivelare la presenza di monossido di carbonio nell’aria.

Scegliere il forno ad incasso – a cosa prestare attenzione.

Indipendentemente dal tipo di alimentazione che sceglierete e dalle funzioni che preferirete vi consiglio, al momento dell’acquisto, di prestare attenzione ad alcuni dettagli che possono sembrare banali, ma sono tutt’altro che irrilevanti:

  1. Verificate che si riesca a vedere bene l’interno del forno.

    Provate a guardare dentro il forno attraverso la portina chiusa. Vedete facilmente attraverso il vetro? L’interno è ben illuminato?
    Questo è un aspetto di fondamentale importanza, poiché vedere chiaramente il cibo che sta cucinando vi consentirà di tenere sotto controllo il progredire della cottura.

  2. Controllate che la lampadina interna sia facilmente accessibile.

    I forni sono costruiti in modo da integrare una luce al loro interno. Si tratta di una lampadina che va sostituita quando si fulmina. Accertatevi che tale operazione si compie agevolmente.

  3. Guardate bene se è possibile smontare il vetro per una pulizia efficace.

    In molti forni è possibile rimuovere i vetri della portina per effettuare la pulizia. Cosa particolarmente utile quando si tratta di rimuovere della sporcizia che si è accumulata col tempo.

  4. Accertatevi che il forno disponga dei sistemi di cottura e delle funzioni indispensabili.

    Ventilazione e funzione grill, oltre che una funzione per lo scongelamento dei cibi, sono essenziali, così come la presenza di un termostato regolabile e di un contaminuti, che finito il tempo di cottura impostato vi avvisi con un segnale acustico.
    Non mancano modelli più sofisticati dalle funzioni particolari che riescono a soddisfare gli utenti più esigenti. I programmi per i dolci, carne, pesce, pane, pizza e cotture a vapore sono disponibili nei modelli più costosi, consigliati solo a chi cucina assiduamente ed è sicuro di utilizzare un apparecchio del genere come merita.
    Prima di scegliere il forno ad incasso leggete sulla scheda tecnica trovate descritte il numero e il tipo funzioni, così come i programmi di cottura e le funzioni aggiuntive; la capacità del forno, espressa in litri (un volume standard è pari a 50 litri); la classe di efficienza energetica e i materiali con cui è realizzato il forno.

  5. Valutate la ricchezza degli accessori inclusi.

    I forni, non solo quelli più economici, sono dotati di accessori spesso abbastanza risicati. In nessun caso non possono mancare una griglia e una leccarda in metallo smaltato per raccogliere il sugo di cottura quando si griglia. A seconda del modello di forno scelto, possono essere forniti anche altri accessori come un girarrosto, una termosonda da inserire negli alimento per rilevarne il livello di cottura interno e regolare di conseguenza la temperatura del forno.

  6. Controllate la classe energetica dell’apparecchio che volete acquistare.

    Acquistate un forno di classe A e A+ cioè a basso consumo energetico se non volete bollette elettriche salate. Un forno classe A consuma per un utilizzo standard, circa 0,80 kW all’ora.
    Per risparmiare energia è consigliabile aprire lo sportello il meno possibile durante la cottura e spegnere il forno qualche minuto prima della fine della cottura in modo da sfruttare l’aria calda residua per gli ultimi minuti.

  7. L’estetica ha la sua importanza.

    I forni ad incasso sono disponibili in una vasta gamma di linee, colori e finiture. In ogni caso è bene scegliere il forno ad incasso con un design in linea con quello della vostra cucina. A seconda dello stile, il materiale del forno può essere l’acciaio smaltato oppure l’acciaio inox. In questo caso preferite finiture facili da pulire e che riducono gli aloni.

  8. Prestate molto attenzione ai requisiti di sicurezza.

    Verificate sul manuale che il forno sia certificato dai marchi IMQ o CE.
    Per la vostra sicurezza e quella dei vostri bambini scegliere il forno ad incasso con porta almeno a triplo vetro di modo che rimanga fredda anche quando il forno è in funzione.
    Assicuratevi anche che il forno sia dotato di ventola tangenziale per proteggere i mobili circostanti dal surriscaldamento.

Funzioni e dispositivi Extra.

Non tutte le funzioni e i dispositivi sono utili, certamente, a seconda dell’uso a cui è destinato il forno, alcune possono essere più utili di altre. Meglio dare un occhiata a quelle più richieste prima di scegliere il forno ad incasso per la vostra cucina.

  • Cottura programmata con un timer col quale gestire orari di inizio e fine cottura, accensione anticipata e spegnimento del forno.
  • Telecontrollo, con il quale è possibile azionare e regolare il forno, anche quando si è fuori casa, tramite internet o il telefono. Questa funzione è disponibile nei modelli di forno più sofisticati.
  • Cottura automatica, grazie alla quale, per mezzo di alcuni sensori, vengono selezionati in automatico le impostazioni di cottura più adatte a seconda della pietanza che si sta preparando. In alcuni modelli le ricette più comuni sono già preimpostate.
  • Spegnimento di sicurezza automatico, interrompe automaticamente il funzionamento del forno dopo 12 ore di inattività quindi anche se uscite e lo dimenticate acceso nessuna paura.
  • Memoria, permette di ricordare una sequenza di diverse fasi di cottura personalizzata.
  • Blocco di sicurezza, per il pannello comandi e lo sportello in modo che non venga aperto e il forno non venga inavvertitamente azionato. Utile per la sicurezza dei bambini e per non cambiare inavvertitamente i programmi di cottura impostati rovinando irrimediabilmente le pietanze.
  • Autopulizia, utile per chi ha poco tempo o voglia da dedicare alla pulizia del forno.
  • Cottura a vapore, che adopera temperature che vanno dai 30°C ai 100°C, per mantenere le sostanze nutritive dei cibi. Gli amanti della cucina sana e dietetica nonché gli estimatori del mangiare bene prediligono questo tipo di cottura disponibile in alcuni modelli di forni di fascia alta.

Conclusioni.

Adesso che siete informati sulle cose importanti a cui fare attenzione per scegliere il forno ad incasso che fa per voi, vi piacerebbe sapere quali sono i forni che reputo migliori per dotazioni e rapporto qualità/prezzo? Leggete questa rassegna!

Condividi questo post!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

DMCA.com Protection StatusTesto di proprietà dell'autore. Tutte le immagini presenti in questo post, se non diversamente specificato, provengono dai siti pixabay.com unsplash.comoppure si tratta di immagini prelevate da PinterestNel caso in cui la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, comunicatelo ed essi saranno immediatamente rimossi.

2 commenti su “Una guida per scegliere il forno ad incasso.”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.